La rinascita nel segno del tre

Dopo il roboante 3-0 contro la Juventus l’Inter non arresta la sua corsa e riesce nuovamente a vincere (e a convincere ) 3-1 contro il Palermo. La crescita fisica e psicologica che si era evidenziata da parte del gruppo durante la semifinale di Coppa Italia è stata occasione di rilancio morale per i nerazzurri. Riparte a gran corsa la sfida per il terzo posto, con la Roma attualmente a -5 e uno scontro diretto in casa dei giallorossi ancora da giocare. Proprio come i tre goal segnati, sono tre i punti da lodare alla crescita della squadra:

Concretezza: L’Inter costruisce più azioni offensive che riesce a sfruttare. Indispensabile il lavoro degli esterni, senza la velocità è difficile mettere in difficoltà gli avversari.

Gruppo: Probabilmente le voci su uno scontro tra Mancini e la squadra dopo Inter-Lazio non erano del tutto infondate. In due mesi c’è stato un crollo vertiginoso, ma adesso appare evidente la voglia di riprendere insieme un percorso che era iniziato positivamente.

Società: In un momento molto difficile per la squadra di Mancini non è mancato l’intervento della società nerazzurra. Le dichiarazioni di Massimo Moratti, Ausilio e Thohir hanno scosso l’orgoglio di ogni singolo giocatore mettendo in discussione anche il lavoro svolto. Di certo qualche piccolo risultato è stato ottenuto.

L’Inter ritrova la certezza del suo attacco che nei mesi iniziali aveva fatto tanto sospirare per la sua mancata concretezza. Ljajic è ormai l‘imprevedibilità offensiva di una squadra spesso troppo statica. E’ sua la rete del momentaneo 1-0. Perisic, dopo l’iniziale periodo di ambientamento, ha raggiunto una forma fisica e una conoscenza tattica tale da essere imprescindibile dagli undici titolare. Segna in tuffo il 3-1 su assist di Icardi. L’argentino si conferma sempre un rapace d’area di rigore. Il goal del 2-0 è frutto della deviazione dell’attaccante, il quale riesce a sfruttare al meglio l’assist del connazionale Palacio.

Alla fine del Campionato mancano dieci partite, tra le quali lo scontro diretto per la Champions League contro la Roma e la sfida contro il Napoli a San Siro. Ultime chiamate per l’Europa. Inter, ci sei?