La cura Mazzarri ha trasformato Alvarez e Jonathan

Jonathan e Alvarez, da oggetti misteriosi a veri e propri trascinatori della resurrezione nerazzurra di questo inizio di stagione. Nessun tifoso dell’Inter avrebbe scommesso un euro su un avvio di stagione da protagonisti assoluti dell’esterno brasiliano e del trequartista argentino che, pur chiudendo con prestazioni in crescendo la precedente annata, nel “fischiometro” di San Siro avevano raggiunto picchi inarrivabili. E invece sono proprio loro, con assist, gol e giocate di classe, i primi beneficiari della cura Mazzarri, che sembra aver restituito fiducia e compattezza a un gruppo devastato dalla gestione Stramaccioni.

Jonathan, che sembrava in predicato di tornare a Parma in prestito, ha invece sfornato due passaggi vincenti nelle prime due gare in campionato e a tratti ricorda il miglior Maicon ammirato al Meazza. Per Ricky Alvarez (accostato ad Atletico Madrid e Porto in passato), invece, il principale problema era abbinare una qualità indiscutibile a una maggiore continuità di rendimento e a un dinamismo molto lontano dal passo cadenzato esibito spesso dall’ex Velez. Mazzarri ha dato fiducia a entrambi e, dopo un pre-campionato in cui si faticava a scorgere segnali positivi dalla nuova Inter, ecco una squadra che ha vinto brillantemente i primi tre impegni ufficiali (Coppa Italia compresa) e si candida al ruolo di outsider per lo scudetto. Con un Jonathan e un Alvarez in più.

Fonte: calciomercato.com