Derby d’Italia, diamo il via alle danze

Ci siamo, mancano ormai poche ore.
Non posso fare a meno di mettermi davanti al pc e provare ad esternare sensazioni così confuse a poche ore di distanza dal fischio di inizio.
Gli avversari sono i bianconeri, tifoseria con cui per fortuna non c’è alcun rapporto di “parentela”.
Bianconeri e Nerazzurri: due mondi opposti, assolutamente agli antipodi che non hanno nulla in comune, ma stasera sì, per entrambi ci saranno 3 punti in palio.
Tre punti che non varranno il Campionato, ma tre punti che significheranno tanto.
Se davvero Strama dovesse riuscire nell’impresa, e cioè quella di sconfiggere l'”imbattibile” Juventus nel suo stadio, beh amici cari, non lo dimenticheremo tanto facilmente.
E’ un match nel match, che paradossalmente è preceduto da una sorta di calma apparente: la quiete prima della tempesta.
Si sono placati i toni tra le due società, ma tra le due tifoserie mi sembra alquanto impossibile. Troppe crude e ingiuste le parole che vennero rivolte al ricordo di Giacinto Facchetti: impossibile dimenticare.

Ma passiamo al presente: negli ultimi giorni la questione più importante è quella degli arbitri. Arbitri e Juventus: che strano accoppiamento. Stavolta il “prescelto” è stato Tagliavento, un nome non nuovo agli interisti: ricordi di Mou, polemiche e manette. Ma anche quella è un’altra storia.
Stasera Strama arriverà allo Juventus Stadium con l’ “Incoscienza” di un ragazzino, ma con la “furbizia” dei grandi allenatori: non ha lasciato trapelare alcun indizio sulla formazione “Hanno 4 punti più di noi, hanno lo scudo sulla maglia, non fanno la conferenza stampa e dovrei dargli pure la formazione!?” … come dargli torto.

E i tifosi? I tifosi in tutto ciò sperano nell’impresa, non più di tanto, ma ci sperano. D’altronde l’Inter è “pazza” e continua a stupire. Nel suo “piccolo” è arrivata seconda in classifica a 4 punti dai Campioni di Italia e contro i pronostici di tutti. Sperare non è negato a nessuno, a patto che dopo non si resti eccessivamente delusi. I pronostici ci vengono contro, ma di solito quando l’Inter non è la favorita… (ma tanto lo sapete già).