Juan Jesus: “Non firmo per il terzo posto. La traversa? Se avessi segnato mi sarei messo a piangere”

Se fosse entrata quella palla che all’ultimo minuto gli è capitata tra i piedi, l’Inter sarebbe terza. Ma ha preso la traversa, è andata così e uan Jesus se n’è fatto una ragione. Perché si deve guardare avanti, alla prossima gara, quella con la Samp. Il difensore brasiliano ha parlato in esclusiva ai mcirofoni di Massimiliano Nebuloni per SkySport24. Ed ecco cosa ha detto:

TRAVERSA – Ero dispiaciuto perché ho calciato anche bene e ha toccato Sorensen mi pare ed è andata sulla traversa, sarebbe stato un gol importante, se avessi segnato mi sarei messo a piangere, ma purtroppo abbiamo pareggiato. E’ andata così. 

CONTRO IL BOLOGNA – Abbiamo provato di tutto, abbiamo fatto una grande partita perchè eravamo concentrati, ma la palla proprio non ne voleva sapere di entrare in porta. Dobbiamo continuare cosi perchè stiamo facendo bene e adesso dobbiamo pensare alla Sampdoria. 

MAZZARRI – “Lui è un allenatore intelligente, capisce bene il calcio italiano, guarda anche il singolo, parla con ognuno di noi. E’ un bravissimo tecnico e rimarrà così per tanto. Lui sta facendo bene perchè sta aiutando la squadra e la squadra aiuterà lui”.

FIRMARE PER IL TERZO POSTO – No, non firmo perché siamo una squadra competitiva, mi devo fidare dei miei compagni e meritiamo di stare più in alto possibile.

IL NAPOLI – Dobbiamo però pensare partita dopo partita e vedere dove siamo arrivati alla fine. Non parlo adesso della partita che giocheremo al “San Paolo” perchè c’è prima quella contro la Sampdoria e poi c’è il Parma. Il Napoli è ancora lontano.

ICARDI – I suoi tweet? Se crede sia giusto può sempre dire quello che vuole. 

Fonte: fcinter1908.it