Jovetic e il tweet che scatena i social

Apparentemente, un mezzo naufragio. Due panchine consecutive e ingressi a 5’ dalla fine, solo 4 gol, un avanti e indietro dalla titolarità che certamente non lascia contento nessuno, l’Inter e lui: Stevan Jovetic.

LA PORTA CHIUSA In tutto questo, poi, ecco il giallo della porta. Verso le 19 di ieri, Stevan pubblica una fotografia sul proprio profilo twitter, poi rimossa mezz’ora più tardi: una porta chiusa. È semplicemente una porta che ha ricostruito perché la prima era stata rotta? È un “chissà cosa c’è dall’altra parte”? È un “Non me ne vado dall’Inter” ad uso e consumo di tutte le voci che sono uscite in questi giorni? Tutto da decrittare, come hanno cercato di fare i suoi «seguaci» sul social network. Stevan Jovetic non ha intenzione di mollare l’Inter, e oltretutto un suo addio a gennaio sarebbe tortuoso sia perché l’Inter dovrebbe chiedere il placet al club proprietario (il City) e sia perché JoJo non accetterebbe certamente una squadra di secondo piano. Ipotesi praticamente da escludere insomma, e poi a giugno si vedrà considerando che l’obbligo di riscatto (a 14,5 milioni) diverrà automatico alla prima presenza della serie A 2016-2017.

L’INDIZIO ATALANTA Proprio un girone fa cominciò alla grande la stagione interista di Stevan Jovetic. Prima giornata, minuti finali di Inter-Atalanta, gara inchiodata sullo 0-0, lui che parte da sinistra, si accentra e la piazza là, per l’1-0 finale all’ultimo tuffo che regala tutto un altro senso alla stagione nerazzurra. Insomma, era iniziata bene col primo gol nerazzurro alla primissima giornata, poi è proseguita meglio (doppietta al Carpi) fino però ad arrivare ad un digiuno di gol lungo più di tre mesi, infortuni compresi. Ma adesso che c’è l’Atalanta – sempre ammesso che Mancini decida di schierarlo titolare, perché ieri ha provato tatticamente gli stessi undici che hanno perso col Sassuolo e vinto con l’Empoli – ecco che si riapre uno spiraglio nella testa di Stevan: perché contro i bergamaschi, Jovetic non solo ha realizzato quel gol di inizio campionato ma anche il suo primissimo in Italia. Successe con la maglia della Fiorentina il 5 aprile 2009. In totale, i gol ai bergamaschi sono stati tre.

TIRA A SEGNO PIU’ DI TUTTI Non c’è dubbio che resti un dato freddissimo: JoJo ha segnato solo un gol (Udinese-Inter) nelle sue ultime 13 presenze in A. Però? Però i dati (Opta) raccontano fra le varie cifre anche negative (tipo 239 palloni persi, solo 12 contrasti vinti e le ben 9 sostituzioni) alcune cose positive. Per esempio: il montenegrino è il giocatore dell’Inter che ha tirato di più in questo campionato (39 volte) e quello che ha centrato più volte lo specchio (14). Ecco perché non tutto è da buttare. Ovviamente la situazione non è da applausi, ma è chiaro che l’Inter vuole ancora credere in JoJo: perché in panchina ci vanno tutti e perché tutti possono dare una sterzata alla propria stagione. Mancio vuole solo risposte.