Inter – Verona (4-2) | Pagelle Bauscia

Carrizzo: 5,5 – Non sempre sicuro sulle uscite alte, sui gol nessuna colpa. INDIFESO

Ranocchia: 5,5 – Soffre eccessivamente la fisicità di Toni che lo mette più di una volta in difficoltà. SOFFERENTE

Rolando: 6,5 – Molto pericoloso in attacco sui calci d’angolo da uno dei quali trova il suo primo gol in Italia. In difesa è quello che soffre di meno e strappa applausi per una sua chiusura in scivolata. EFFICACE

Juan Jesus: 5,5 – Sbaglia il tempo di uscita sul primo gol del Verona e anche nella ripresa commette qualche errore. IMPRUDENTE

Jonahtan: 6,5 – Dopo qualche partita opaca rispolvera una buona prestazione. Oltre al tiro che genera il gol del vantaggio, spinge con continuità ed è attento in difesa. SPLENDENTE

Cambiasso: 6,5 – Partita di quantità e qualità. A centrocampo cuce e crea e si fa trovare pronto in zona gol. Quando esce la squadra si spegne. INDISPENSABILE

Guarin: 6,5 – Con le sue accelerazioni spacca in due il centrocampo veneto che non riesce mai a contenerlo. Peccato che sia impreciso nelle conclusioni. IMPERIOSO

Alvarez: 6,5 – Raccordo fondamentale tra centrocampo ed attacco, con la palla al piede è sempre pericoloso. PARTECIPE

Kovacic: 5,5 – Fatica ad adattarsi al ruolo per lui inedito da uomo dietro alla punta. Dovrebbe appoggiare maggiormente Palacio ma tende ad arretrare troppo la sua posizione. SPAESATO

Nagatomo: 6,5 – Spinge meno che il suo collega brasiliano ma è altrettanto pericoloso in fase di attacco. PEPERINO

Palacio: 7 (Migliore in campo) – L’uomo più importante della squadra. Fa reparto da solo, segna e fa segnare. INDIAVOLATO

Kuzmanovic: 5 – Anche con la partita incanalata sui binari giusti non lo si vede mai. TRISTE

Belfodil: 4,5 – Lo si nota solo nella scaramuccia finale con Moras. INDISPONENTE

Taider: 6 – Entra per dare sostanza a centrocampo nel momento più complicato del match.SOLIDO

Mazzarri: 6,5 – La sua squadra parte con il piglio giusto ed in pochi minuti si ritrova sullo 2 a 0. Si arrabbia con i suoi quando calano la tensione facendoli ritornare subito in partita. Nel finale, pensando al turno infrasettimanale, sostituisce sia Cambiasso che Palacio e la squadra cala vistosamente. AUTORITARIO