Inter Tottenham: una partita d’altri tempi

La partita è stata, concedetecelo, d’altri tempi. Un qualcosa come venti azioni degne degli hilights la descrivono di per sé come speciale. Un risultato d’andata apparentemente irrimontabile non ha fermato un’Inter pazza come ai bei tempi, che ha attaccato con testa, gambe e soprattutto cuore. Alla fine è andata male, ma non nel peggiore dei modi possibili. Anche se ci rimarranno nelle gambe i 120 minuti e i giorni di recupero per il campionato sono solo due, questa partita non è da buttare. Usciti dall’Europa League gli uomini di Stramaccioni si dovranno calare con la stessa intensità nel Campionato, cercando in tutti i modi di agguantare un posto in Champions che sarebbe un risultato soddisfacente per un’annata di cambiamento come quella che volge al termine. Il tecnico lo abbiamo sempre difeso, anche se ultimamente di errori ne ha commessi. Con questa partita si è difeso da solo.
Grazie ragazzi, e non date retta a Galliani: “ci fosse stato Pazzini…” sarebbe stato peggio.