Inter-Torino 0-1: Moretti gela San Siro al 94′

Inizia alle 15.00 il match tra Inter e Torino, valido per la ventesima giornata di serie A.

Mancini schiera Handanovic,  D’Ambrosio,  Vidic,  Andreolli,  Obi, Guarin, Kuzmanovic, Palacio, Kovacic, Podolski e Icardi, contro la formazione di Ventura formata da Padelli, Maksmivoc, Glik, Moretti, Darmian,  Benassi, Gazzi, Farnerud, Molinaro, Martinez e Quagliarella.

L’incontro comincia con il calcio di inizio affidato proprio ai nerazzurri,  la prima occasione da gol arriva all’11’ con Guarin che prova la conclusione dalla distanza, ma la palla esce di poco.

I nerazzurri sono in continua fase di attacco, ma la squadra di Ventura è disposta bene in campo, difficile dunque riuscire ad arrivare nell’area di rigore avversaria.

Il forcing dell’Inter riduce comunque il Torino in affanno.

Al 44’ arriva il primo cambio obbligato per il Mister, ci sono infatti problemi per Andreolli, il quale per distrazione muscolare ai flessori della coscia sinistra , esce dal campo lasciando il posto ad Andrea Ranocchia.

Termina così, sullo 0-0, il primo tempo di gioco, dopo soli tre minuti di recupero. Quarantotto minuti con poche emozioni, in cui l’Inter ha fatto, come era prevedibile, la partita e il Torino ha puntato tutto sulla difesa.

Il secondo tempo si apre con un altro infortunio per i nerazzurri, al 54’ infatti D’Ambrosio rimane a terra. Si fa male alla coscia anche lui come Andreolli, e Mancini ancora una volta costretto al cambio,  fa entrare al suo posto Shaqiri.

Per cercare di sistemare al meglio la squadra, il Mister ricorre anche al terzo cambio,  esce Podolski e al suo posto entra facendo il suo debutto in serie A, Isaac Donkor, al 65’.

E’ un Torino più propositivo quello del secondo tempo, al 71’ imbucata di Maxi Lopez per Darmian, ma nessun problema per Handanovic.

Ci provano entrambe le squadre, ma nessuna delle due riesce a sbloccare il risultato.

L’Inter le tenta tutte per riuscire a stanare il Toro, ma la difesa dei granata è impenetrabile.

L’arbitro concede quattro minuti di recupero, e bastano al Torino per sbloccare il risultato, segna Moretti gelando S.Siro al 94’.

Era indispensabile battere il Toro per dar seguito alla buona prestazione di mercoledì contro la Sampdoria, il risultato beffardo non conferma però  i progressi della squadra di Mancini, che subisce un’ulteriore battuta d’arresto proprio in casa.