Inter, cambio rispetto al passato: monte ingaggio dimezzato e spese contenute

Moratti e ThohirLa nuova Inter targata Thohir aveva un obiettivo primario: migliorare la squadra e abbassare al contempo i costi complessivi della società. Per il momento rispetto agli anni precedenti gli ingaggi dei giocatori dell’Inter si sono dimezzati e anche le spese sono diminuite notevolmente.

Nell’anno del Triplete il monte ingaggi era di 150 milioni di euro. Oggi, cinque anni dopo Thohir spera di dimmezzarlo: attualmente si aggira intorno agli 80 milioni di euro (con una proiezione verso i 70 milioni).

In più Thohir sta rafforzando la societàcon figure che hanno ben chiaro il proprio ruolo: Dan Chard l’ultimo arrivato nella famiglia nerazzurra sarà ilnuovo Director of Global Partnership che si occuperà delle sponsorizzazioni del club nerazzurro su scala mondiale.

Sul sito nerazzurro la società lo presenta così: “per poter essere ancora più efficaci nello sviluppo e nella diffusione del brand Inter dentro e fuori i confini nazionali“.

Chard in passato ha curato campagne marketing e sponsorship di assoluto livello per Barclaycard, Coca Cola, Red Bull, Heineken, Sony PlayStation, LG Electronics, Adidas.

Anche per quanto riguarda il mercato giocatori la proiezione è verso un sostanzioso abbattimento delle uscite. Niente follie senza prima una cessione importante. Pur spendendo poco Mazzarri riuscirà ad avere gli innesti giusti: serviva un difensore forte ed è arrivato Vidic.

I tre esterni non garantivano una costate spinta durante tutto l’anno. Serviva un esterno ed è stato preso un giovane come Dodò, servivano giocatori muscolari a centrocampo ed è arrivato M’Vila (e sta arivando Medel), e poi serviva una punta e sta arrivando Osvaldo. Non è detto poi che con qualche cessione possano essere messi a segno altri colpi.

Fonte: europacalcio.it