Dopo aver comunicato di voler lasciare il Barcellona, ora si attende la decisione futura di Leo Messi. Dove giocherà? Il City sembra in vantaggio su tutti, ma l’Inter sta provando un clamoroso sorpasso e sta aspettando il momento giusto per entrare in azione. Bisognerà prima capire se Messi riuscirà a far valere la clausola e a partire gratis oppure se bisognerà anche accontentare le altissime richieste dei catalani.

“C’è chi pensa che il possibile approdo di Vidal a Milano sia un’ulteriore manovra di avvicinamento a Leo. Come anche la conferma di Lautaro, argenteria preziosa per il campione di Rosario. Tutto può fare parte delle mosse di Suning, che da tempo ha questa Pulce nell’orecchio e che ha fatto da calamita ad investimenti importanti sul fronte pubblicitario: una ricca base di partenza per costruire attorno a Messi un castello di soldoni legati ai suoi diritti d’immagine. In queste settimane sono emersi tanti indizi su questo fronte aperto. A cominciare dal trasloco di papà Jorge Messi a Milano a due passi dalla sede nerazzurra. I benefici fiscali dell’opzione italiana sono sotto gli occhi di tutti. Anche se nulla può essere dato per scontato: le incognite sono tante e rilevanti”, spiega La Gazzetta dello Sport.

“Davanti a tutti c’è l’appeal del Manchester City che ha le risorse finanziarie e la statura tecnica per invogliare l’argentino. Sorpassare questa fuoriserie del mercato non sarà facile, lo sceicco è un osso durissimo. Ma l’attualità dice che la Pulce nei prossimi giorni dovrà individuare la strada giusta per lasciare Barcellona in maniera indolore. I suoi avvocati sono al lavoro per trovare la chiave. È possibile, infatti, che non funzioni la carta dell’uscita a parametro zero. Ecco perché l’argentino sta valutando l’idea di rivolgersi alla Fifa. Il famoso articolo 17 prevede per gli ultra trentenni (e Leo di anni ne ha 33)una sola stagione di “protezione” del contratto. In questi casi è previsto solo un indennizzo per il club cedente, ma a cifre abbordabili. Secondo fonti catalane addirittura l’Inter si sarebbe già mossa con Nyon, ma queste voci non trovano conferma. Dal grande mercato cinese sono in arrivo sponsor per decine e decine di milioni, tutti dedicati a Messi, con un giro d’affari triplicato rispetto ai numeri odierni. Una montagna di soldi indispensabili per allettare Lionel e leva per ulteriori partnership anche in Europa. E tutto ciò solleverà il club dagli oneri maggiori. che graveranno solo in modo parziale sui conti della società. E questo aspetto può essere determinante in una sfida globale che vede la potente Cina targata Inter contrapposta allo sceicco Mansour, dominus degli Emirati Arabi. Stavolta l’emiro Al-Thani, con il suo Psg, appare più defilato”, aggiunge il quotidiano.