Inter ko, il Genoa vince 3-2. Addio Europa League

Addio Europa. Questa è la morale, dopo la sconfitta maturata a Marassi contro il Genoa.

Errori a ripetizione, sviste arbitrali e anche un pizzico di sfortuna, condannano i nerazzurri alla sconfitta e all’addio definitivo all’Europa League. Vediamo com’è andata.

Un pirotecnico primo tempo si chiude sul punteggio due a due. Si capisce sin dalle prime battute, che le due squadre hanno intenzione di dare vita a una partita molto interessante, e così puntualmente accade.

I primi quindici minuti, vedono un pressing forsennato da parte dei padroni di casa, che riescono a mettere in seria difficoltà i portatori di palla nerazzurri, e vanno al tiro diverse volte, trovando sulla propria strada Samir Handanovic. Nonostante l’impaccio iniziale, l’Inter riesce a costruire alcune importanti palle goal, prima con Brozovic che tutto solo in area mette fuori di testa, e poi con Medel  che, da fuori area, trova la respinta di Mattia Perin. In questi continui ribaltamenti di fronte c’è da segnalare anche un rigore per l’Inter, non sanzionato da Tagliavento, su un evidente fallo di mano dell’ex Nicholas Burdisso.

Al ventesimo i nerazzurri passano. Hernanes scodella in mezzo all’area un gran pallone per Mauro Icardi. Il numero nove colpisce di testa, ma la sua inzuccata viene smorzata da un difensore genoano, che non riesce tuttavia a rinviare e il pallone rimane lì. Poco dopo Icardi anticipa Perin in uscita e il pallone termina in rete. Uno a zero per gli ospiti con il ventesimo goal in campionato di Maurito Icardi. Ma il pareggio dura poco. Infatti, cinque minuti dopo, Pavoletti ristabilisce la parità, con un bel goal, facilitato però dal piazzamento non perfetto della nostra difesa. Ma in una partita così, le emozioni nono finiscono.

Infatti, un tocco bellissimo di Mauro Icardi libera Rodrigo Palacio davanti a Perin, che non sbaglia e riporta l’Inter in vantaggio. Tutto questo accade alla mezz’ora, ma dieci minuti dopo succede l’impensabile. Handanovic e Ranocchia si scontrano, nel tentativo di rinviare un pallone, spalancando la porta a Lestienne, che trova il suo primo goal in Serie A. Regalo clamoroso della nostra retroguardia, che permette al Genoa di raggiungerci nel punteggio. In precedenza erano state annullate due reti al nostro Icardi, ma molti sono i dubbi, circa queste chiamate.

Senza recupero, si chiude la prima frazione che lascia tutti i discorsi ancora aperti.

Il secondo tempo, leggermente meno tonico del primo, vede comunque buoni ritmi, con occasioni clamorose sia da parte nostra (palo di Hernanes e traversa di Brozovic) che da parte loro.

Quando però sembra che la partita si chiuderà in parità, arriva il gol partita del Genoa. Punizione di Edenilson, Kucka svetta in area e trafigge Handanovic. 3-2 e partita finita, anche se nel recupero ci sarebbe un altro rigore per i nerazzurri, ma a quel punto non cambierebbe nulla.

Brutta sconfitta, che (si spera) stimolerà a fare meglio in futuro.