Inter-Icardi, presupposti opposti: il club vuole che si alleni, l’argentino pretende…

Nessuna schiarita all’orizzonte per quanto riguarda il caso Icardi: l’attaccante argentino continua ad allenarsi a parte, e l’Inter è costretta a fare a meno ancora una volta del suo ex capitano. Le parti rimangono distanti, e trovare una soluzione appare sempre più difficile. Il Corriere dello Sport non lascia trasparire ottimismo: “Giusto una settimana fa sembrava che qualcosa si potesse smuovere. Mauro e Wanda, infatti, su consiglio di Moratti, si sono affidati all’avvocato Nicoletti nelle vesti di mediatore. E, da allora, ci sono stati un paio di incontri, oltre a innumerevoli telefonate, ma veri passi avanti non ne sono stati fatti.

Proprio perché si parte da presupposti diversi. L’Inter, infatti, pretende che l’ex-capitano torni prima ad allenarsi regolarmente e che poi si entri nel vivo su come farlo reinserire nel gruppo, che poi è il nodo principale della situazione che si è venuta a creare. Icardi, invece, vuole prima ottenere le sue condizioni (comunicati o dichiarazioni pubbliche) e solo dopo rimettersi a disposizione, insistendo di non avere alcun problema con i compagni“.