L’Inter rottama-attaccanti, ora tocca a Cassano

Il primo mese di calciomercato sta per giungere al termine.
Probabilmente questo è uno di quelli più noiosi, perchè le trattative procedono a rilento e gli unici nomi che possono farci risvegliare dalla noia estiva, spesso rappresentano puro fantamercato.

L’Inter dopo aver già messo a segno cinque acquisti, sta virando ora su altri nomi per fornire una rosa che accontenti le aspettative di Mazzarri. Il primo nome è quello di Belfodil, attaccante del Parma, che ad ora ha grandi margini di miglioramento. Per arrivare però alla punta classe ’92, Branca & Co. hanno messo su piatto 10 milioni, più Silvestre e Cassano.

Se la cessione del difensore era prevedibile vista l’annata sottotono, quella del barese, soprattutto dopo l’esonero di Stramaccioni, certamente no.

Già finito quell’idillio creatosi a fine agosto scorso tra Fantantonio e la sua squadra del cuore? Evidentemente sì.Il talento barese, dopo 39 partite disputate e 20 gol messi a segno, può dire già addio alla maglia desiderata, probabilmente, una carriera intera.

Un’altra tradizione che si ripete, quella degli attaccanti usa e getta. Cassano, infatti, non è il primo. La storia recente ci parla di tanti altri casi simili: Forlàn, Zarate ecc… giocatori che non si sono mai integrati nel gruppo o nel sistema di gioco dell’allenatore di turno, che vengono rispediti al mittente, con tanti milioni investiti per acquistarli e tanti “sacrifici” andati persi. Solo una fetta delle tante mosse di mercato sbagliate.

Per fortuna, però, la luce in fondo al tunnel inizia a vedersi. Gli uomini di mercato hanno finalmente deciso di seguire una linea precisa: con la “rottamazione” di Cassano e con l’arrivo di Belfodil (nel ruolo di vicePalacio) e di Icardi (viceMilito), potremo avere un reparto offensivo a posto per i prossimi dieci anni.

Ma manterranno le promesse? Staremo a vedere…

Ad maiora!