Inter, 107 motivi per amarti

Ieri era il 9 marzo 2015 compleanno dell’F.C. Internazionale Milano, abbiamo voluto raccogliere motivazioni, aneddoti, pensieri sul perché i tifosi amano e seguono l’Inter, le frasi sono state raccolte dalla pagina Facebook e dal profilo Twitter di Bauscia.it, ecco il risultato.

Amo l’Inter perché…

  1. E’ pazza.
  2. Mi fa tremare il cuore, mi fa smettere di respirare.
  3. Aumenta la resistenza cardiaca, troppe emozioni.
  4. Non vince mai facile.
  5. Ogni volta che vince facciamo la storia del calcio, dagli anni ’60 fino al Triplete.
  6. E’ nata il 9 marzo come me.
  7. Perché mi ha insegnato a gioire e soffrire, è una palestra di vita.
  8. E’ unica.
  9. Fa battere il cuore ad ogni partita.
  10. Ha gioito e sofferto con me.
  11. Rappresenta ogni singola persona, con le sue differenze e particolarità.
  12. Perché siamo “fratelli del mondo”.
  13. Non molla e non si arrende mai, ci crede fino all’ultimo.
  14. Non essere interista è come non aver mai vissuto.
  15. Ci insegna a vivere e ad aspettare le soddisfazioni che prima o poi la vita ci darà.
  16. Tenere all’Inter è irrazionale, istintivo, non sai perché lo fai, ma sai di fare comunque la cosa giusta.
  17. L’Inter non si sceglie, ti sceglie. E lo fa con i migliori.
  18. Da quando è nata, fu simbolo di gloria. Per tutti la Beneamata, nel football è storia.
  19. Si ama e basta.
  20. È sentirsi vivi.
  21. Significa vivere con sentimenti e passioni diversi dagli altri.
  22. È l’unica che non lascerai mai, nonostante tutto.
  23. Con te mi sento una persona onesta. Questo insegni mia cara Inter.
  24. Sono nato col DNA nerazzurro.
  25. L’Inter è un credo, una religione. Il suo stemma e i suoi colori mi fanno impazzire e battere il cuore.
  26. Nell’assenza non vivo senza.
  27. Per arrivare alla vittoria non c’è niente di meglio di una continua sofferenza.
  28. Quando la guardi, hai la tachicardia.
  29. Non si può descrivere, si deve vivere.
  30. Perché Juve merda.
  31. Al cuor non si comanda.
  32. Ha una tradizione con un inizio, ma senza una fine.
  33. Siamo nati 10 anni dopo il Milan e siamo arrivati alla stella 10 anni prima.
  34. Siamo gli unici a non esser mai andati in B.
  35. Non la tradirò mai.
  36. Quando mio figlio indossa la maglia nerazzurra, sorride.
  37. Il suo stadio è il Meazza.
  38. E’ l’unica squadra di Milano.
  39. Perchè “com’è bello il mondo insieme a te”.
  40. 22 maggio 2010
  41. Il triplete in Italia l’abbiamo fatto solo noi.
  42. Militoooo.
  43. Vantiamo l’onore di aver avuto il capitano più corretto della storia.
  44. Dopo tanti anni riesce ad emozionarti sempre e comunque.
  45. Siamo capaci di rimonte pazzesche.
  46. Un giorno di tanti anni fa mio padre, che era cugino dell’allora allenatore del Vicenza Ettore Puricelli, mi portò nello spogliatoio dell’Inter prima della partita. Giacinto Facchetti mi prese in braccio e mi presentò uno a uno i suoi compagni. Dopo 50 anni è ancora amore a prima vista!
  47. Perché l’Inter è BAM BAM
  48. Perché… sem sempèr i püssèe bej (siamo sempre i più belli)!
  49. Perché l’Inter è simpatica.
  50. Perché non abbiamo niente da invidiare a nessuno,perché siamo stati sul tetto del mondo e ci ritorneremo.
  51. È una creatura diversa rispetto alle altre squadre.
  52. Perché l’Inter raccoglie sotto il neroazzurro tutti, senza distinzione né pregiudizi.
  53. Abito la’ dove sorgeva il primo campo di calcio dell’FC Internazionale. Quando arrivai, trent’anni fa non tifavo per nessuno, ma lo spirito del luogo mi ha cambiato, è entrato in me dalla terra calpestata dai primi “padri” neroazzurri. Oggi è solo Inter per me.
  54. L’Inter è la passione della generazione che mi ha preceduta e di quella che verrà: mio padre interista, i miei figli interisti… (e anche mio marito… con un padre a sua volta grande interista!). Non sarebbe potuto essere in un altro modo: “Se no che gente saremmo?” G.Facchetti. E poi i miei cari amici sono interisti.
  55. Sarti; Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri, Picchi; Jair, Mazzola, Milani (Peiró, Domenghini), Suárez, Corso.
  56. C’è solo un capitano, Javier Zanetti.
  57. Perché quando la guardi per la prima volta ti rendi subito conto che è diversa dalle altre squadre. Ti entra dentro tutta d’un fiato fino a coprire ogni centimetro della tua pelle. Non ha sconfitta, non ha vittoria, solo un enorme cuore diviso in due colori.
  58. Perché non abbiamo cugini.
  59. Perché ha cancellato il 5 maggio 2002 con il 5 maggio 2010.
  60. Perché ricordi il gol di Djorkaeff alla Roma e quello di Ronaldo alla Lazio in Coppa Uefa.
  61. Perché se pensi che potevi nascere tifoso di un’altra squadra ti viene il voltastomaco.
  62. Perché tifare Inter vuol dire onore.
  63. Perché l’Inter è unica, inimitabile e insostituibile. Non esiste nessun’altra squadra al mondo capace di regalare emozioni così intense e che sappia farsi amare dai suoi tifosi anche quando li fa soffrire. Se non ci fosse, bisognerebbe inventarla!
  64. Amare l’Inter è un turbinio d’emozioni, significa soffrire sempre un po’ più degli altri, ma quando si vince è tutto più bello.
  65. Tante volte siamo caduti, e tante volte ci siamo rialzati.
  66. Peppino Prisco.
  67. L’Inter è vincente anche quando perde.
  68. Per il nero e l’azzurro.
  69. Essere interisti significa onestà, senso di appartenenza, allegria e voglia di vivere giorno per giorno, minuto per minuto. È per questo che siamo unici.
  70. Perché mi hanno chiamato Walter in onore di Zenga e del suo essere interista.
  71. Per Josè Mourinho.
  72. Perché non siamo dei ‘pirla’.
  73. L’inter è la squadra dei Bauscia.
  74. Perché sei fantastica, proprio come un rock’n roll.
  75. Giacinto Facchetti.
  76. Perché la famiglia Moratti è gente per bene.
  77. Perché non vestiamo il bianconero.
  78. Per la Curva Nord.
  79. J. Cesar, Maicon, Lucio, Samuel, Chivu, Zanetti, Cambiasso, Pandev, Sneijder, Eto’o, Milito. all. Josè Mourinho
  80. Per lo sciarpone nerazzurro di Mancini.
  81. Per il Fenomeno.
  82. Per mio padre.
  83. Perché un giorno mio figlio seguirà con me l’Inter.
  84. Perché “come te nessuno mai…” Marco Materazzi.
  85. Per il gol di tacco di Palacio nel derby.
  86. Per Helenio Herrera.
  87. Per il 1963-64, il 1964-65, il 2009-10.
  88. Per la coppia Vieri – Ronaldo.
  89. Perché tutti i più grandi sono interisti.
  90. Per le capriole di Obafemi Martins.
  91. Per Adriano Celentano e Roberto Vecchioni.
  92. Per la mia prof di Lettere del liceo.
  93. Per Zanetti-Cambiasso-Samuel-Milito.
  94. Per la finale di Madrid.
  95. Per lo stile, l’eleganza, l’umiltà e correttezza.
  96. Perché io non rubo il campionato ed in serie B non son mai stato.
  97. Per il mancino del Chino Recoba.
  98. Perché l’interista è diverso.
  99. Per il ‘rumore dei nemici’.
  100. Peché gli altri ‘zeru tituli’.
  101. Perché siamo nati per soffrire, e ci riusciamo anche bene.
  102. Per il baffo di Beppe Bergomi e per i capelli di Taribo West.
  103. Per i tanti bidoni acquistati.
  104. Per l’1+8 
  105. Perché per me, c’è solo l’Inter.
  106. Perchè forse 107 motivi non bastano.
  107. Perché l’Inter è l’Inter.