Imbrattati gli scudetti: “Ladri di m***a”

Tra Juventus e Milan è guerra totale dopo l’ultimo scontro di campionato, sfociato nel caos in seguito alla decisione dell’arbitro Massa di assegnare il penalty ai bianconeri ben oltre il recupero.

I toni si sono subito esasperati, con Bacca e Donnarumma protagonisti in campo dopo il fischio finale, ma è stato negli spogliatoi che il Milan ha scatenato tutta la propria rabbia e frustrazione.

Oltre ad aver distrutto alcuni arredi, tra cui uno sgabello e due pannelli di polistirolo rappresentanti i titoli della Juve, i rossoneri hanno imbrattato il muro con la scritta “ladri di m***a”, come riportato da ‘La Gazzetta dello Sport’ e ‘Il Corriere della Sera’.
La scritta, non a caso, è stata apposta sui due scudetti revocati (2005 e 2006) che la Juventus considera comunque vinti. Il Milan non si è scusato in privato per la vicenda, anzi, contesta il fatto che i bianconeri espongano due titoli ufficialmente revocati dalla giustizia sportiva.

La Juventus ha scelto di non sporgere denuncia per i danni negli spogliatoi, ma la guerra con il Milan è ormai totale. Intanto i rossoneri aspettano con ansia le decisioni del giudice sportivo, che dipenderanno molto da quanto scritto da Massa sul referto arbitrale e dall’intervento degli ispettori federali.

Al momento soltanto Bacca rischia la squalifica per aver sfiorato il contatto fisico con l’arbitro. Il colombiano potrebbe essere punito con due giornate, mentre il Milan sarà con tutta probabilità richiamato a risarcire la Juventus per i danni allo Stadium.

FONTEgoal.com