Il valzer delle punte: “Hernandez, Quagliarella, Denis e Pinilla, chi arriverà a Strama?”

E’ inutile dirlo come ogni anno il mercato vira intorno a loro.
Gli attaccanti sono il fulcro di ogni mercato perche sono loro che possono decidere con una giocata o un colpo di genio le sorti di ogni gara.
E’ stato il mercato di Ibra, di Destro, Maxi Lopez, Pazzini, Borriello, Gilardino e chi più ne ha più ne metta. Tutti in cerca di una sistemazione per il nuovo anno e tutti i club in cerca del “Top Player” per fargli fare il salto di qualità, e noi siamo in cerca del vice-milito ma quanti nomi per il nostro Strama.
Partiamo dal principio: il primo nome per il nostro Mister è stato quello di Abel Hernandez un buon talento ma ancora deve esplodere, causa i numerosi infortuni che lo hanno tenuto spesso fuori dal terreno di gioco, forse un po’ troppo presto per essere nominato erede del Principe. Altro nome caldo è quello di Fabio Quagliarella, il napoletano ormai separato in casa con la Juve, potrebbe essere una pedina di scambio con Pazzini, si sa, i bianconeri ha sondato il terreno per l’attaccante nerazzurro ma con Matri ancora in squadra si troverebbe solo un doppione. Quagliarella per il mister sarebbe l’alternativa ideale a Diego in quanto attaccante di movimento e quindi potrebbe ricoprire più ruoli nella zona offensiva del campo. Nelle ultime ore arriva l’indiscrezione Pinilla quella del “toro” sarebbe un ritorno di fiamma in quanto portato proprio in Italia dall’Inter, ma Cellino spara alto, 18 milioni e si chiude. Forse un po’ troppo ma il Cagliari si è salvato anche grazie ai suoi goal e quindi naturalmente il prezzo del suo cartellino ha avuto un picco impressionante. Tra le voci e le smentite ecco girare i nomi del “tanque” Denis e di Gila, ma nella giornata di oggi spunta un nuovo nome che fa tremare l’Olimpico di Roma, Pablo Daniel Osvaldo: dopo l’arrivo di Mattia Destro, l’italo-argentino si trova con le spalle al muro perche spodestare Re Totti a Roma, si sa, non è stato facile per nessun allenatore, e con un Bojan in grande forma e un Lamela affamato di goal, non gli resta che mettere la testa fuori da Trigoria e iniziare ad assaporare le offerte che il mercato estivo propone. Insomma, tanti nomi, e tante alternative, si volteggia a ritmo di valzer con gli attaccanti europei, come nel 18° secolo Strama muove i primi passi di danza e osserva i “ballerini”, gli resta solo il compito di scegliere chi può fare da spalla al principe, e noi tifosi siamo li in attesa del suo sostituto che magari ci faccia sognare ancora una volta iniziando ad immaginare una rivincita europea come in quel 2010… e voi chi preferite?

Gianmarco Valenza