Il calciomercato bloccato dagli esuberi: in partenza Ranocchia, Santon e Guarin

Tutto fermo in casa Inter. A sentire le parole pronunciate da Roberto Mancini alla vigilia della ripresa del campionato, infatti, i nerazzurri non sembrano intenzionati a muoversi sul calciomercato di gennaio. A dire il vero più per necessità che per scelta.

“In genere, a gennaio, non è semplice migliorare una squadra. Inoltre ci vogliono soldi. Mentre noi, per il Fair-Play Uefa, non possiamo muoverci. Ecco perché vedo piuttosto difficile trovare un giocatore da pagare molto, visto che sono solo quelli che alla fine garantiscono un salto in avanti”, ha infatti spiegato Mancini.

Parole chiare che testimoniano come il diktat dell’Inter sia uno solo: prima le cessioni. Magari anche di peso. E se Brozovic nonostante la bravata natalizia (guida senza patente sotto l’effetto dell’alcol) dovrebbe restare lo stesso discorso potrebbe non valere per Guarin che secondo ‘Il Corriere dello Sport’ davanti ad un’offerta da 10 milioni di euro stavolta sarebbe lasciato libero di andare.

Oltre al colombiamo, come risaputo, in partenza ci sono poi anche Ranocchia e Santon. Il primo, al momento, non sembra però convinto dall’ipotesi Norwich e propenderebbe più per trasferirsi in prestito secco al Bologna così da poter scegliere con calma cosa fare la prossima estate. Bologna che peraltro sarebbe anche la destinazione del terzino, sempre in prestito.

Cosa questa non troppo gradita invece all’Inter che, come detto, ha bisogno di monetizzare subito per poi acquistare qualche tassello già a gennaio e spera di piazzare Ranocchia in Premier League incassando una cifra molto vicina ai 10 milioni di euro.

Sempre ammesso che, alla fine, come riporta ‘Tuttosport’ i nerazzurri non decidano di girare Ranocchia alla Sampdoria come parziale contropartita tecnica pur di arrivare a quell’Eder già seguito a lungo vanamente qualche mese fa e prima alternativa a Lavezzi.

Intanto, mentre l’agente di Izzo sponsorizza il suo assistito definendolo “la migliore alternativa a Miranda e Murillo”, a tirarsi fuori dalla lista di papabili obiettivi dell’Inter è Ben Arfa che assicura: “Resterò al Nizza anche dopo gennaio”.