Il calcio non è solo una questione di soldi

In nome della rivoluzione interista e sotto il segno del Fair Play Finanziaro, Moratti si priverà (molto probabilmente) di due campioni dell’epoca mourinhiana: Julio Cesar e Maicon. L’Inter così facendo riempirebbe di nuovo le sue casse, ultimamente a secco, ma rischierebbe davvero di privare i suoi tifosi di due veri e propri beniamini del mondo nerazzurro.

Per primo Julio Cesar, l’acchiappasogni, che con le sue parate magiche permise a noi interisti di continuare a sperare e coronare il sogno Champions. Proprio lui che ha pianto in diretta tv come un bambino per la sua Inter,  quello  che non ha esitato nemmeno per  un secondo ad accettare l’invito della Curva Nord per la festa di fine stagione. Quella fu una festa speciale per tutti, perchè dichiarò di voler restare ancora all’Inter… musica per le orecchie di ogni nerazzurro!

L’altro è il colosso, Maicon, che dopo sei anni potrebbe appendere al chiodo la casacca nerazzurra. Campione dentro e fuori dal campo, famoso per le sue espressioni facciali’ strane,ma buffe,  è stato a lungo uno dei giocatori più apprezzati dai tifosi. Le sue cavalcate sulla fascia, i suoi gol (quasi) impossibili, hanno portato in molti (Mourinho compreso) a considerarlo uno dei terzini più forti al mondo.

Ora la domanda che qualcuno si pone è: Perchè dovremmo rischiare di perdere due giocatori legati alla maglia e a tutto il mondo Inter, per comprarne altri a cui magari interessa solo il denaro?

Chi pensa che il calcio sia fatto solo di soldi, mercato e business, si sbaglia di grosso. Il calcio è anche altro: amore verso la maglia, stima e affetto reciproco tra tifosi e giocatori. Noi in casa ne abbiamo due che rischiano di andare via per riempire le casse nerazzurre…. ma vale proprio la pena lasciarli andare così?

Ai posteri l’ardua sentenza…

Lucia Romanelli