Idea Stankovic, sarà l’Oriali di Mancini

Per tornare grandi, in casa Inter, serve gente di personalità. In questo senso, secondo La Gazzetta dello Sport, nel mirino ci sarebbe anche Dejan Stankovic, ora vice di Andrea Stramaccioni all’Udinese. Il serbo è stato individuato per ricoprire il ruolo di team manager, un tramite tra squadra, allenatore e società. Il ruolo, simile a quello che Lele Oriali ricopriva ai tempi di José Mourinho, non andrebbe a interferire con quello di Sylvinho, vice di Roberto Mancini.

“Il contratto di Stankovic con l’Udinese è in scadenza e non è così scontato che venga rinnovato. Mancio, che con Deki ha vinto tantissimo tra Lazio e Inter, lo ritiene perfetto per l’esperienza, il carisma e la possibilità di instaurare un rapporto privilegiato con i giocatori: di Vidic è stato il Cicerone quando è arrivato all’Inter e parlerebbe la stessa lingua di Brozovic e di quel Kovacic che non a caso il tecnico di recente ha chiesto di togliere dal mercato. Anche se il nuovo incarico per certi versi lo allontanerebbe dall’amato campo, Stankovic è pronto a tornare a quella che ha sempre considerato casa sua. All’Inter del resto in 9 stagioni ha vinto tutto, rimanendo nel cuore dei tifosi. Come dimostrato il 4 maggio scorso, quando è tornato in campo a San Siro per l’amichevole benefica organizzata da Zanetti, ricevendo ovazioni a ogni tocco di palla. E proprio con Zanetti il serbo si ritroverebbe a lavorare a stretto contatto”, scrive la rosea.

FONTEfcinternews.it