Icardi rinato al Psg ma a giugno vuole la Juve

“Del futuro parleremo a fine stagione ma sarei felice di rimanere al Psg”. Mauro Icardi si sbilancia sul suo futuro dopo la tripletta nel 6-1 al Saint Etienne in Coppa di Francia. Ma ‘Repubblica’ disegna un altro scenario: l’ex capitano dell’Inter vuole tornare a giocare in Italia e vestire la maglia della Juve, che sembrava tanto vicina quest’estate.

Maurito e la moglie-agente Wanda Nara starebbero preparando il terreno per un approdo in bianconero a giugno, finito il prestito al Psg, opponendosi eventualmente al riscatto dal parte del club francese (fissato a 70 milioni di euro).

A Parigi ha ritrovato la vena da bomber: diciannove presenze tra Ligue 1 e coppe e ben diciassette i gol già messi a segno da Icardi con la nuova maglia: “Il 2020 è iniziato bene per me e per la squadra e il rapporto tra me Cavani, Neymar e Mbappé è buono. Possiamo fare la differenza in qualsiasi momento. Siamo una vera squadra”.

Mauro Icardi
Mauro Icardi

Maurito è rinato sotto la Tour Eiffel ma il suo desiderio, al di là delle dichiarazioni pubbliche, è quello di rivestire il ruolo di protagonista nel campionato italiano, tornando a vivere a Milano dove sono rimasti la moglie e i cinque figli. A Milano soltanto a vivere perché all’Inter non c’è e non ci sarà più posto.

L’attaccante argentino vuole la Juve e, come scrive Franco Vanni su Repubblica, “non ha mai abbandonato l’idea di passare in bianconero”. E, dall’altra parte, vero che la Juve là davanti è ben equipaggiata con Cristiano Ronaldo, Dybala e Higuain ma il nome di Icardi non è mai passato di moda. E l’età (35 a febbraio per CR7, 32 compiuti a dicembre il Pipita) comincia a essere importante. “Mauro via dal Psg a fine stagione? La decisione spetta a lui – ha dichiarato l’altro giorno Wanda Nara in occasione della presentazione del Grande Fratello Vip – In Francia sta facendo benissimo e io ne sono molto felice. Quindi vedremo”. Decide Maurito. E ha già deciso. A quel punto bisognerà sedersi al tavolo con l’Inter. L’estate si preannuncia già rovente.