Icardi diventa patata bollente: problemi con il rinnovo!

Non c’è solo il mercato, le entrate, le uscite nella lista dell’Inter. In Corso Vittorio Emanuele, per il direttore dell’area tecnica Piero Ausilio, da qualche settimana è nato un problema in più. Da risolvere in tempi brevi per evitare soluzioni pericolose. Si chiama rinnovo contrattuale, non per un giocatore a caso.

Mauro Icardi ad oggi è tutt’altro che vicino a firmare il suo nuovo accordo con l’Inter fino al 2019, a differenza delle chiacchierate positive dell’autunno scorso. E i motivi di questa frenata sono diversi. Innanzitutto, Icardi ha continuato a segnare. Il che per l’Inter è un bene, ovviamente; ma fa di Maurito un giocatore sempre più indispensabile e dunque di valore nell’economia del club. Perché gol dopo gol, l’immagine di Mauro ha acquistato valore e il mercato attorno all’argentino si è mosso sempre con più interesse.

Quell’intesa di massima che sembrava vicina in autunno, quindi, si è incagliata. Anche perché attorno ad Icardi iniziano a girare interessi pesanti sulla questione diritti d’immagine, quella che ha sempre frenato le firme pure quando le parti si erano trovate quasi in accordo. Abian Morano, braccio destro di Maurito sin dai tempi del Vecindario. Tredici anni insieme. Lui è l’uomo che tiene in mano ogni aspetto dell’immagine e della carriera di Icardi.

Ebbene, l’entourage che copre gli aspetti di marketing dell’ex Barça e Sampdoria ha ottenuto tantissime richieste in questi anni. E sempre di più in questi mesi: una nota azienda di pneumatici, contratti di sponsorship legati all’Expo di Milano che muove moltissima pubblicità.

Ma attenzione, perché c’è soprattutto una proposta importante da uno sponsor tecnico differente da quello dell’Inter. Il che creerebbe un problema non da poco alla politica voluta da Erick Thohir e all’immagine nerazzurra che vuole legarsi indissolubilmente alla Nike, visto il recente rinnovo col marchio, per di più se si parla di uno dei propri giocatori migliori. Tutti soldi (tanti) che entrerebbero nelle tasche di Icardi e che diventerebbero automaticamente del club, nel momento in cui dovesse acquisirne i diritti d’immagine.

Ecco perché l’argentino è tutt’altro che leggero su questo aspetto: per cederli, insomma, pretende un riscontro economico adeguato. Anche al suo rendimento, che è da protagonista assoluto tanto da essere principale giocatore dell’Inter in vetrina, assieme a Mateo Kovacic. L’équipe marketing di Mauro si sta già muovendo, al punto da aver preparato un piano speciale con tutti i potenziali contratti di sponsor per il giocatore.

Un aspetto che fa muovere anche il mercato attorno al giocatore, visto che molti club internazionali vedono di buon grado l’ipotesi di acquistare giocatori come Icardi che abbiano attorno a sé un’attrattiva mediatica importante. Tutto in mano a Morano. E adesso? Per l’Inter, la palla è da cogliere al balzo al più presto. Perché se non arriva il rinnovo in tempi brevi, il rischio è di dover vendere Maurito entro la prossima estate.

Cosa che nessuno vuol fare, a cominciare da Thohir per arrivare ad Ausilio. Per rinnovare, quindi, serve un’offerta importante. Importantissima. Che superi i tre milioni di euro annui, visto che c’è chi come Fredy Guarin o Nemanja Vidic sfora abbondantemente questa linea seppur rendendo effettivamente non quanto Icardi. Che dovrebbe a sua volta poi cedere i diritti d’immagine, altro aspetto da valorizzare nell’offerta contrattuale; e che si aspetta di essere blindato, perché in caso contrario l’interesse delle big non manca.

Tocca all’Inter, adesso. Riavvicinarsi al più presto. Per evitare di arrivare a contenziosi pericolosi…

FONTEgoal.com