Hernanes: ”Mazzarri un top, puntiamo allo scudetto entro 3 anni”

Intercettato dai microfoni del Corriere dello Sport il centrocampista brasiliano dell’Inter Hernanes parla della sua attuale situazione in nerazzurro, queste le parole del numero 88: “Sono felice di essere all’Inter ed orgoglioso di esser stato il primo acquisto importante del nuovo presidente Thohir, vengo dalla mia miglior prestazione in nerazzurro, quella col Torino, finalmente ho potuto rendere al massimo dopo i problemi fisici che avevano condizionato le mie prime uscite, ho deciso di fermarmi per evitare problemi più seri ed ora sto finalmente bene. Sono stato sorpreso dall’affetto col quale sono stato accolto, ognuno del mondo Inter mi tratta come se fossi qui da sempre, devo far il meglio possibile per ripagare tutti di questa cosa, voglio far qualcosa di importante ma la squadra era già forte prima ancora che arrivassi io, penso a giocatori come Alvarez e Guarin nel mio ruolo ad esempio che possono risolvere da soli una gara, sono solo uno in più in un gruppo fortissimo. Il nostro obiettivo per il finale di stagione dev’essere superare la Fiorentina ed arrivare quarti, per il prossimo anno invece dobbiamo cogliere il piazzamento Champions League, per lo scudetto non so se saremo già pronti di certo vorremo provare a vincerlo entro i prossimi 2\3 anni, siamo come detto già un gruppo forte e che più starà insieme e più potrà crescere, non vedo tutta questa distanza tra noi e le prime tre come la classifica dice in questo momento, il margine ampio si è creato solo durante il periodo in cui la società ha cambiato proprietà e la squadra ne ha risentito, poi dal prossimo campionato avremo anche un campione come Vidic che andrà a rinforzare un reparto già forte. Con Mazzarri ho un ottimo rapporto, mi han detto che mi stima da sempre e che mi avrebbe voluto già al Napoli, è un grande allenatore, mi ha impressionato il suo modo di preparare le partite, andiamo in campo conoscendo ogni segreto dell’avversario. Alla Lazio sono ancora legato, sento spesso i miei ex compagni Ledesma, Dias ed Ederson, non stanno attraversando un momento bello ma spero che risolvano i loro problemi in fretta, son voluto andar via io perchè avevo bisogno di una nuova sfida ed una squadra che mi permettesse di ambire a vittorie importanti, il presidente Lotito non voleva cedermi, con me è sempre stato molto corretto, la scelta dell’Inter è stata solo mia”. 

Fonte: europacalcio.it