Guarin, questa non ce la dovevi fare!

La vicenda Vucinic-Guarin, che tanto ha fatto parlare e discutere in questi giorni, è finita, lo scambio non è stato fatto, ed entrambi i giocatori sono rimasti fermi nelle proprie squadre d’appartenenza.

Tutta questa situazione però non si chiude senza lasciar traccia, specialmente per noi tifosi interisti, non si può infatti sorvolare, neanche volendo ed impegnandoci, sull’atteggiamento di Guarin.

Che un giocatore venga venduto ad un’altra squadra, è una cosa normale come il respirare, che venga venduto alla Juventus, inizia già ad infastidire parecchio, ma che il giocatore in questione faccia pressioni e punti i piedi per essere venduto all’acerrima nemica e rivale storica, proprio non va, non è ammissibile nè digeribile, perlomeno a breve termine.

Sono “pugnalate” che fanno male, che feriscono i tifosi nell’orgoglio, a testimoniarlo, sono i numerosi tweet contenenti insulti di ogni tipo, indirizzati al giocatore.

Che sia tornato ad allenarsi con la squadra, nonostante i due giorni di permesso che gli erano stati accordati dalla società, va benissimo, ma intendiamoci, è il minimo che un giocatore che vive di questo possa fare, niente di straordinario, e di sicuro non basta per far dimenticare il suo atteggiamento di questi ultimi giorni.

Domani non sarà nella lista dei convocati per la gara contro il Catania di domenica pomeriggio, ed è meglio così, non credo che i tifosi lo avrebbero accolto a braccia aperte.

Difficile cercare di indovinare come andrà a finire questa storia, specialmente se non si dovessero ricevere altre offerte e se Guarin dovesse quindi continuare ad indossare la maglia nerazzurra.

La ferita è ancora aperta e ci vorrà del tempo, ma soprattutto un immenso impegno per rimarginarla.