Guarin può partire per 12 milioni

Tra entrate e uscite. Si continua a lavorare su entrambi i fronti in casa Inter, in attesa di sbloccare la cessione di Xherdan Shaqiri sempre più vicino allo Schalke 04 in queste ore, visto il passaggio imminente di Jefferson Farfan all’Al Jazira. A quel punto, si andrà a stringere con il Wolfsburg per Ivan Perisic.

E partirà una missione in Inghilterra per riavvicinarsi al Manchester City sul fronte Stevan Jovetic, in attesa di aggiornamenti su Mohamed Salah dove l’Inter resta vigile così come la Roma, un testa a testa totale. Ma non è tutto. Perché in queste ore, la dirigenza nerazzurra ha avuto un contatto con l’entourage di Fredy Guarin. Primo chiarimento: Roberto Mancini non lo ritiene un giocatore superfluo, come Shaqiri. Tutt’altro.

Il colombiano è ritenuto importante nelle strategie dell’allenatore e per questo non sarà messo fuori rosa come accaduto allo svizzero. Ma esiste una concreta possibilità che Guarin possa andare via. Proprio questo è stato riferito all’entourage di Guarin, perché l’Inter è pronta a considerarlo cedibile nel momento in cui dovesse arrivare un’offerta adeguata.

La richiesta è attorno ai 12 milioni di euro, questa la cifra che ne fa il ds Ausilio per potersi privare dell’ex Porto dopo il rifiuto a 9 milioni di euro offerti un anno fa dal Valencia. Un messaggio chiaro ricevuto dall’agente di Guarin che presto sarà in Europa: al momento non è in piedi un’ipotesi Milan, altre alternative potrebbero arrivare dall’estero senza escludere sorprese.

Fin qui, l’unica offerta ufficiale è stata del Fenerbahce ma rifiutata immediatamente dal giocatore che non ha voglia di lasciare l’Inter se non di fronte ad una proposta allettante. Insomma, un incastro intricato ma con Guarin liberabile qualora qualcuno offrisse 11/12 milioni. E che sia una squadra gradita al colombiano, sacrificabile sul mercato ma non in svendita perché per Mancini è assolutamente nel progetto.

E in entrata? Occhio al nome di Ondrej Duda, jolly offensivo polacco del Legia, su cui una trattativa va avanti da tempo. L’offerta dell’Inter è ferma a 4,5 milioni con bonus fino ad arrivare a 5, il Legia chiede 6 milioni di base. E il problema, oltre a questa distanza, è anche legato alle formule di pagamento, con i polacchi a chiedere pagamento cash e l’Inter a voler dilazionare in più anni. Aspettando novità in attacco. Ma non solo…