Guarin non serve più?

Un legame molto particolare quello tra Fredy Guarin e l’Inter, insieme dal 2012, ma spesso sulla via della separazione. Una storia nata per l’intuizione di Marco Branca (estimatore del colombiano), e che ha iniziato ad incrinarsi con Walter Mazzarri alla guida del club nerazzurro. Il tecnico toscano ha più volte messo in discussione l’ex Porto, ritenuto eccessivamente naif e poco propenso all’accademizzazione tattica programmata dall’ex Napoli, che invece della disciplina fa un solido Credo. Le riunioni tra i due sono sempre state all’ordine del giorno, come i viaggi di Marcelo Ferreyra (agente del calciatore) dalla Colombia a Milano. Perché ogni sessione di mercato è sempre stata quella giusta per mettere in discussione l’utilità di Guarin all’interno del gruppo nerazzurro, almeno fino all’arrivo di Roberto Mancini, che ha inizialmente espresso il desiderio di trattenerlo a Milano.

PIU’ PREGI CHE DIFETTI? – Il tecnico jesino ha finora reputato imprescindibile il colombiano, valutando col bilancino le sue prestazioni e ritenendo i pregi più convincenti dei difetti: “Guarin è un giocatore che commette errori come altri suoi compagni, ma ha le qualità per poter cambiare la partita”, ha affermato l’ex City in una delle tante conferenze stampa. Un po’ come a dire: conosco bene tutti i suoi difetti, ma so altrettanto bene che, col materiale che ho a disposizione, è uno dei pochi che – se si accende – può cambiare il corso delle cose. Considerazione più che condivisibile in passato, ma che adesso potrebbe essere rivista, soprattutto perché il corso degli eventi obbliga l’Inter a valutare diverse ipotesi.
INGAGGIO SALATO – L’acquisto di Kondogbia (31 milioni di euro non sono bruscolini da mettere a repentaglio) e le ultime prestazioni di Brozovic fanno molto riflettere sul futuro centrocampo dell’Inter, anche perché l’età gioca sicuramente a loro favore: classe 1992 per il croato, mentre il francese è più giovane di un anno. E Guarin? L’ex Porto compirà trent’anni il prossimo giugno e – fattore di rilevante importanza – vedrà scadere il proprio contratto nel 2017. E che contratto… Perché gli emolumenti che la società di corso Vittorio Emanuele versa nelle casse del calciatore sono salati: 2,8 milioni di euro a stagione più 400.000 euro di bonus per un totale di 3,2 milioni di euro a stagione. Decisamente troppi per il percorso virtuoso intrapreso dalla società nerazzurra, che prevede di sborsare tali somme solo per i giocatori cardine del club.
MANCINI CAMBIA IDEA – Intanto i dirigenti dell’Inter hanno già iniziato a valutare la situazione relativa a Guarin, riflettendo sulle possibili soluzioni. La notizia è che il centrocampista esce dalla lista degli intoccabili per rientrare (nuovamente) in quella dei cedibili: l’Inter ha ripreso a sostenere un mercato di un certo livello e Mancini ha la garanzia che i soldi incassati da un’eventuale cessione del colombiano verrebbero reinvestiti sul mercato per ringiovanire ulteriormente la rosa e comprare giocatori futuribili. Ecco perché il tecnico jesino, a differenza di qualche mese fa, non si opporrebbe più a priori all’addio del centrocampista. Corsi e ricorsi storici, così dalla prossima sessione di mercato in poi, la notizia di una possibile partenza di Guarin è nuovamente da tenere in considerazione.