Gianluca Rossi: “Il mercato e le solite storie”

Col mercato che scatterà ufficialmente solo il 1° luglio, la cosa più bizzarra è leggere le sentenze dei tifosi, interisti in prima fila, per cui sembra che il campionato cominci domani e che l’Inter abbia fatto tutto male anche stavolta. In realtà questo è solo il periodo delle comproprietà e dei prestiti, certamente più importante che in passato, visto che non ci sono soldi ma comunque non il mercato vero.
In casa Inter, come altrove, certe operazioni economicamente rilevanti difficilmente potranno andar in posto prima di agosto, con buona pace dei tifosi che ad ogni ora buttano giù formazioni senza senso e, soprattutto, di Mazzarri che spinge per avere la squadra più completa possibile già a Pinzolo. Certamente nel ruitiro in Trentino dal10 al 23 luglio ci sarà Ishak Belfodil, con Silvestre che, al di là di quanto il suo procuratore fa scrivere sui giornali, ha compreso benissimo di non avere spazio in nerazzurro e quindi andrà serenamente a Parma con Cassano.
Nainggolan, checché ne dicano a Roma, resta un obiettivo caldissimo e per eventuali colpi a sorpresa bisognerà attendere come minimo il termine della Confederations Cup.
Un altro che potrebbe essere nerazzurro a breve è Marcelo Isla: Inter e Juventus, ogni giorno che passa, si scoprono meno rigide sulle loro pozioni e ad avvicinare le parti, come accade spesso in questi casi, è soprattutto la volontà del cileno.
Per tutto il resto, ammesso che un resto ci sia, meglio attendere agosto, anzi forse addirittura settembre visto che quest’anno abbiamo deciso di fare gli inglesi e di tirar giù le saracinesche addirittura alle 23 del 2 settembre. Poco male, altre formazioni e altre operazioni di pura fantasia, coi giornali che qualcosa devono pur scrivere e i tifosi che a volte si bevono proprio tutto.

Fonte: gianlucarossi.it