Gabigol sta già facendo vincere l’Inter

“Nel bene o nel male purchè se ne parli” recita un celebre passo de Il ritratto di Dorian Grey e quanto raccontato da Osacr Wilde sembra essere stato preso alla lettera dal neo attaccante dell’Inter, Gabriel Barbosa.

RITMI SERRATI – Gabigol sta vivendo letteralmente un’estate di fuoco. Dopo l’Olimpiade vinta in casa con il Brasile e la chiusura dell’affare con l’Inter, infatti, la punta è tornata in Brasile dove ha giocato la sua ultima partita con il Santos, è stato convocato dalla nazionale maggiore brasiliana per le partite di qualificazione al prossimo Mondiale e, soprattutto, sta sostenendo a ritmi serrati impegni di marketing e pubblicitari che l’hanno visto anche lasciare la propria impronta nella walk of fame del Museo Pelè. 

LA CAUSA COL BARCELLONA – Ai propri impegni personali va anche aggiunta la causa ormai certa che il Santos dovrà sostenere contro il Barcellona per il suo passaggio all’Inter. Il club brasiliano è stato incolpato da quello spagnolo di non aver rispettato un accordo di prelazione sottoscritto per Gabigol. Negli ultimi 6 giorni sono state rilasciate dichiarazioni al veleno da entrambe le parti con pubblicazione online delle cifre e degli accordi pattuiti dal Santos con l’Inter
L’INTER HA GIA’ VINTO – L’Inter lo ha pagato tanto, 29,5 milioni di euro, ma senza che Gabigol (foto Instagram @Gabigol) abbia mai messo piede ad Appiano Gentile (arriverà in vista della gara contro il Bologna) il club nerazzurro ha già vinto. Sì perchè l’eco mediatico che sta generando il giocatore in patria (grazie agli impegni pubblicitari) e nel mondo (con la causa fra Santos e Barcellona) sta regalando un’esposizione mediatica incredibile.

DIMOSTRAZIONE DI FORZA – Aver vinto la battaglia sul mercato per il giocatore e averlo strappato a club ben noti come Barcellona e Juventus (che fino all’ultimo ha provato a strappare il sì del giocatore), inoltre, è una dimostrazione di forza amplificata che porta benefici all’Inter e alla nuova proprietà. Suning ora è già pronta a tornare sul mercato in vista di gennaio e della prossima stagione. Da Berardi a Bernardeschi ci sono altre battaglie da vincere. Nel bene o nel male, purchè se ne parli, Gabigol insegna.

FONTEcalciomercato.com