Da Gabigol a Brozovic: quanti duelli di calciomercato tra Inter e Juventus!

Derby d’Italia. Basta questo nome per descrivere l’importanza di Inter-Juventus, una delle sfide più sentite in campo nostrano e non solo. Una gara che ha acquisito ulteriore valenza dopo Calciopoli, battaglia che non si limita unicamente al rettangolo di gioco. E quest’estate, a suon di duelli sul mercato, Torino e Milano hanno decisamente comandato la sessione targata Belpaese.

Tanti nomi, tanti scontri. A partire dall’interesse comune per Gabriel Jesus, 19enne astro nascente del calcio brasiliano, prossimo a lasciare il Palmeiras per trasferirsi al Manchester City di Pep Guardiola. La Juventus, infittendo la fase di scouting nel mese di maggio, avrebbe voluto effettuare questo colpo in prospettiva; l’Inter, annusando concretamente la fumata bianca, per settimane ha acquisito la pole position. Ma, ancora una volta, a vincere è stata la ricchezza della Premier League.

Sempre rimanendo in tema verdeoro, e questa volta la Serie A ha anticipato tutti, anche Gabriel Barbosa Almeida – meglio noto come Gabigol – ha cullato i pensieri zebrati. Tanti colloqui andati in scena tra gli uomini di corso Galileo Ferraris e la famiglia del 20enne centravanti ormai ex Santos, a fare da contorno poca voglia di investire complessivamente una cifra corposa per una non priorità. Ecco, allora, l’intromissione decisa e decisiva nerazzurra: 25 milioni e rinforzo lungimirante.

Ceduto Paul Pogba al Manchester United, i campioni d’Italia si sono tuffati sul mercato per cercare di portare a Vinovo un centrocampista duttile e di qualità. E nella lista marottiana, fitta di profili di primo piano, c’era anche quello di Marcelo Brozovic. Nel dettaglio: terreno fertile con il giocatore, nessuna possibilità di intavolare una trattativa con l’Inter. I meneghini, giustappunto, non hai mai preso in considerazione l’eventualità di cedere il croato a una diretta concorrente, optando successivamente per intensificare il fronte rinnovo.

Stephan Lichtsteiner? Il nome che non ti aspetti. Solitamente, essendo il calciomercato materia volubile, l’imponderabile è dietro l’angolo. In quest’ottica si deve interpretare l’offensiva del diesse nerazzurro, Piero Ausilio, sul terzino destro elvetico. Chiuso da Dani Alves e Juan Cuadrado, lo svizzero – raccontano i ben informati – avrebbe preferito lasciare Madama dopo uno splendido quinquennio per cercare maggiore minutaggio altrove; sondaggio dell’Inter, no secco della Juventus.

Passando a qualcosa di più corposo, sebbene sia rimasta un’idea pura, Marotta e Paratici hanno provato a capire gli umori attorno a Mauro Icardi. Nessun contatto diretto tra le due società, qualche chiacchierata con la moglie-agente Wanda Nara.

Marko Pjaca. Prima dell’acceso testa a testa tra Juventus e Milan, Inter e Napoli hanno provato a giocarsi le proprie carte. Ma il ragazzo croato, mettendo le cose in chiaro fin dal principio, ha dato la precedenza alla Vecchia Signora.

Finita qui? Difficile sbilanciarsi. Matteo Darmian, non imprescindibile per il Manchester United, potrebbe accendere nelle prossime puntate un nuovo duello sull’asse Torino-Milano. Insomma, è sempre derby d’Italia.

FONTEgoal.com