Full Metal Jacket: arriva il Sergente Mazzarri!

Per la serie i panni sporchi si lavano in casa propria. Nell’ultima parte di stagione (causa sconfitte), troppe magagne sono venute a conoscenza di troppe persone. Numerosi Interisti hanno scoperto il clima poco sereno che si vive in casa Inter; cose che non avrebbero dovuto sapere.

Per colpa di chi? Difficile dirlo: forse sono i numerosi infortuni che hanno portato a galla gli errori di una preparazione sbagliata e di giocatori poco professionali fuori dal campo. Forse colpa dell’antipatia di alcuni personaggi in dirigenza che ha fatto rilasciare dichiarazioni dettate dal rancore, forse per la palese confusione del Presidente che un giorno si dice vegetariano convinto e il giorno dopo si mangia un leone.
Non si parla chiaro nell’Inter. Probabilmente si fa proprio fatica a parlare.
E allora ci vuole un allenatore che non abbia bisogno di aiuti, non necessiti di appoggio, ma che con forza imponga il suo gioco e le sue richieste, coprendo così incertezze e faide interne.
In stile Full Metal Jacket, arriva il “Sergente di ferro” Walter Mazzarri, tanto forte che spiazza: «A me piacciono i giovani, ma se la richiesta è di arrivare in alto, allora serve anche l’esperienza. Poi bisognerà verificare se il giocatore ‘‘vecchio’’ è ancora in grado di allenarsi a certi ritmi. È questo che fa la differenza».

Da chi partire? Giovani no, ma i “vecchi” avranno abbastanza esperienza per Walter Mazzarri? Intanto senza Thohir e i suoi soldi freschi il mercato stenta a partire, ma siamo sicuri che Mazzarri non sia uno sprovveduto e abbia già le sue certezze. Starà a noi scoprire quali e soprattutto se sono condivisibili. Ma forse a lui non interessa..

Stefania Cattaneo