Felipe: “In difesa il nostro problema è di squadra. A Parma vivevo male, ora…”

Sabato sarà una partita importante per Felipe, da poco membro della rosa nerazzurra dopo aver passato due stagioni e mezzo a Parma.  Ai microfoni di Sky Sport il difensore centrale ha rilasciato due brevi considerazioni. In primo luogo è stato interpellato riguardo il rendimento della difesa nerazzurra, rea di concedere troppo agli avversari: “Credo che ci siano dei piccoli problemini, perché come squadra siamo fortissimi. Per quanto riguarda la difesa, invece, non credo che sia il problema di un singolo reparto, ma di squadra. Secondo me tutti devono difendere e attaccare in maniera compatta perché solo così si può far bene. Singolarmente, poi, credo che qualsiasi squadra vorrebbe avere i difensori a disposizione del mister”.

Viene poi chiesto a Felipe di quelle che sono le condizioni societarie e delle motivazioni relative al suo addio alla squadra emiliana: “Ho parlato con alcuni dei miei vecchi compagni come Galloppa e Lucarelli, mi hanno raccontato tutto quello che è successo, anche le questioni interne. Ovviamente auguro loro tutto il bene possibile, sono stati forti perché hanno resistito fino ad ora, dimostrando tanta forza. Io non ci sono riuscito perché non vivevo più bene, sono arrivato a portare questo problema anche a casa, così insieme alla mia famiglia ho deciso di dire basta. E alla fine ho avuto ragione visto che sono qui all’Inter (sorride, ndr)”.

Interpellato, infine, sulla questione oriundi, il difensore nerazzurro ha le idee chiare: “Ognuno può dire la propria opinione. Per quanto mi riguarda, sono arrivato in Italia a 15 anni, vivo qui da tantissimo tempo, mi sono sposato qui con una ragazza italiana. Ci sono casi e casi. Sono discussioni che lasciano il tempo che trovano”.

FONTEfcinternews.it