Equilibrio vincente: il segreto del primato

“Diciotto gol segnati, nove subiti: il primato interista si regge sull’equilibrio della fase difensiva”. Lo sottolinea la Gazzetta dello Sport in edicola oggi. “L’Inter ha vinto otto volte per 1-0, tanto che bisognerà ridefinire la vecchia teoria – elaborata da Annibale Frossi e celebrata da Gianni Brera – sullo 0-0 come risultato perfetto. Nell’era dei tre punti la perfezione è propria dell’1-0. Mancini si ritrova nella stessa condizione di Conte al suo primo anno sulla panchina della Juve: non deve affrontare le coppe europee, può allenare il gruppo senza interruzioni e senza dispersioni di energie. L’Inter è decima nella classifica dei gol segnati, alla pari con l’Atalanta, preceduta da Torino e Samp (21 reti), e Chievo (20). Nessuno però ha subito meno gol. La Juventus vincitrice degli ultimi tre scudetti ha avuto per due volte il miglior attacco e sempre la miglior difesa. Chi prende meno gol di solito vince”.