Ennesima missione di Spalletti: riuscire a rilanciare Ranocchia

Il mercato dell’Inter si è concluso lasciando ancora una volta una sensazione di incompiuto. Dopo le cessioni di Medel (al Besiktas), Andreolli (Cagliari), Murillo (Valencia) e Ansaldi (Torino) era lecito aspettarsi almeno un acquisto in difesa. Allo stato attuale, infatti, i due titolari Miranda e Skriniar hanno davvero pochissime alternative alle loro spalle. La coperta è corta ed è forte il rischio di trovarsi scoperti se anche a solo uno dei due dovesse venire un raffreddore. Alle spalle dei due titolari, le alternative rispondono al nome di Andrea Ranocchia e Zinho Vanheusden.

Il primo lo conosciamo bene: sappiamo che non è mai riuscito a imporsi davvero in nerazzurro, alternando buone prestazioni ad altre decisamente da dimenticare. Dopo l’esperienza dello scorso anno all’Hull City e quella di due anni fa alla Sampdoria, adesso è tornato all’Inter, apparentemente per restarci. Luciano Spalletti ha deciso di puntare su di lui e spera di riuscite a rivitalizzarlo come fatto già con altri elementi della rosa. Farà di necessità virtù, visto che i mancati acquisti in difesa hanno reso impossibile una sua cessione. Zinho Vanheusden è invece ancora tutto da scoprire. Per il baby talento belga, classe 1999, si tratta della prima stagione in prima squadra. Lo si è visto nel corso della pre-season, ma ancora mai a gara in corso. A breve discuterà il rinnovo di contratto con adeguamento sarà a tutti gli effetti il quarto centrale in rosa. Una strana coppia di centrali, con Spalletti chiamato a compiere l’ennesimo miracolo.