Eder aspetta l’Inter e vuole convincere la Samp: ecco la richiesta. Mancini…

Situazione interessante riguardante Eder Citadin Martins, attaccante della Sampdoria e obiettivo di mercato dell’Inter anche in questa sessione di mercato invernale, dopo il tentativo – andato a vuoto – della scorsa estate. Secondo quanto constatato da FcInterNews, il classe ’86 di Lauro Müller sta cercando fortemente di convincere la dirigenza blucerchiata a lasciarlo andare a Milano, per non perdere quella che reputa l’ultima grande occasione in carriera.

Da aggiungere che Doria e giocatore hanno rifiutato nell’ultimo periodo due offerte particolarmente importanti: no al Jiangsu Suning (che ha proposto 8 milioni più bonus per il cartellino, 4 all’ex Cesena) e a un club del Qatar (aggiunti altri 500.000 € come proposta di ingaggio), soprattutto per il fatto che il 23 blucerchiato vuole restare in una squadra (oltre che campionato) di primo livello per non perdere il pass per l’Europeo, torneo che vuole giocare da protagonista con la maglia della Nazionale italiana.

La richiesta del presidente Massimo Ferrero è di circa 15 milioni di euro. Una somma elevata per le casse interiste, ma che potrebbe essere abbassata per i buoni rapporti tra le due società (nonostante qualche uscita infelice dello stesso numero uno doriano nei confronti di Erick Thohir). E chissà che a 12-13 non si riesca ad arrivare al , soprattutto sul finire del mercato, quando il countdown della chiusura spinge sovente a rivedere certe cifre, anche se la società di Corso Vittorio Emanuele dovrebbe assolutamente cedere almeno un paio di interpreti prima di operare in entrata.

Da aggiungere inoltre un aneddoto relativo a Roberto Mancini, che ha raggiunto Genova il giorno seguente la vittoria di Empoli (ufficialmente per impegni personali): non è da escludere che il coach jesino abbia preso contatti, oltre che con il club ligure, proprio con il brasiliano naturalizzato italiano.

In conclusione, ma non per importanza, l’aspetto legato all’eventuale sostituto: la Sampdoria avrebbe già individuato in Ciro Immobile il degno successore (ora al Siviglia, di proprietà del Borussia Dortmund, sul quale c’è anche il Torino), altrimenti si proverà a convincere la Juventus a cedere in prestito Simone Zaza fino al termine della stagione.