Il derby da zero a dieci: come ci arriva l’Inter?

Mancano pochi giorni alla stracittadina, tante sono le novità della nuova rosa

Il derby di Milano sta per arrivare. Le luci si accendono, San Siro si riempe. Forte è la voce della speranza. Per le strade si respira solamente quell’immancabile adrenalina che accompagna da sempre le sfide di grande spessore. L’Inter arriva alla stracittadina completamente rivoluzionata con ben sette possibili titolari. Ma da zero a dieci come si presenta la squadra di Mancini?

ZERO– Nessuna sconfitta per l’Inter nelle prime due giornate di campionato. Si tratta di un dato significativo in quanto l’allenatore non aveva mai esordito così positivamente sulla panchina nerazzurra.

UNO– Solo un goal subito nelle prime due giornate. La società ha duramente lavorato per poter rafforzare il  reparto di difesa che rappresentava la problematica maggiore per la squadra. Adesso con l’inserimento di Murillo-Miranda la difesa sembra essere maggiormente compatta. Inoltre, l’acquisto di Alex Telles in rosa permette l’utilizzo di un terzino di ruolo.

DUE– Sono già due le sconfitte con il Milan nelle amichevoli estive. L’importante però, è vincere le partite che contano…

TRE– In un possibile 4-3-3 è pronto un tridente completamente rinnovato con Jovetic-Icardi-Perisic. Anche nel 4-2-3-1 potrebbero essere schierati Perisic-Jovetic-Ljajic dietro ad Icardi.

QUATTRO– Il mister cerca il quarto derby vinto con l’Inter. Momentaneamente è fermo a tre. Domenica arriverà anche il quarto?

CINQUE– Sono cinque i derby vinti nelle mura amiche consecutivamente dal dicembre del 2005 fino al gennaio del 2010. Da allora non è stato più raggiunto questo record.

SEI– Si preannuncia una gara ricca di gol e spettacolo da parte di entrambe le squadre. In merito bisogna ricordare l’Inter-Milan del 1949, quando i nerazzurri vinsero 6-5 nella stracittadina. Si tratta della gara con più reti messe a segno in tutta la storia da parte dell’Inter.

SETTE – Sono sette i nuovi titolari nello schema nerazzurro. Sia con il 4-3-3 che con il 4-2-3-1 sono numerosi gli innesti nella rosa.

OTTO – L’Inter è ancora in attesa nel lampo di Rodrigo Palacio. Giocatore che si dimena, recupera palloni, crea azioni d’attacco. Quando tornerà in condizione sarà fondamentale per la squadra. Il derby una grande occasione?

NOVE– Mauro Icardi sta per tornare in campo dopo il periodo di stop che lo ha tenuto lontano le prime due giornate, in una partita dal sapore speciale. L’ argentino sarà già pronto per entrare nella storia: negli ultimi cinquant’anni è il più giovane capitano dell’Inter in un derby.

DIECI– Stevan Jovetic arriva alla sfida più carico che mai. Tre gol nelle prime due giornate con la maglia nerazzurra, ma anche assist e goal nella gara con la nazionale. Sta diventando già imprescindibile per la squadra, nella speranza che possa essere decisivo anche domenica.

Il 13 settembre ci attende una grande sfida. Quest’anno la partita più attesa arriva prima del previsto. Non può considerarsi già come una gara decisiva, ma sicuramente potrà indirizzare il percorso di entrambe le squadre nel campionato. Un derby, in fondo, lascia sempre il segno.