DC United: Thohir, stadio da 300 mln di dollari. In cambio, sgravi fiscali e 100 mln di ricavi annui

Notizia di poche ore fa il via libera ufficiale alla costruzione del nuovo stadio del DC United, club statunitense di cui è proprietario Erick Thohir. Un precedente che fa ben sperare anche i tifosi nerazzurri, perché il tycoon ha dimostrato di poter raggiungere i propri obiettivi da questo punto di vista. Calcio & Finanza fa il punto sulla situazione oltre oceano snocciolando alcune cifre: “Nel luglio del 2013 arrivò l’accordo firmato da Thohir e Levien con le autorità di Washington per la costruzione del nuovo stadio del Dc United. Socceritalia.it, qualche settimana fa, snocciolava intanto qualche interessantissima cifra in merito al progetto, attingendo da un lungo report (406 pagine) realizzato da CSL International, Integra Realty Resources e Robert Bobb Group (società di consulenza dell’ex D.C. city manager Robert C. Bobb).

Secondo il documento, la nuova struttura sorgerebbe anzitutto a Buzzard Point, vicino allo stadio della franchigia Mlb di Washington. La cifra stimata dell’opera sarebbe pari a 286,7 milioni di dollari, che farebbe dello stadio del club di Thohir quello più costoso tra tutti i “soccer specific stadium” di tutta la lega MLS Usa: un vero e proprio gioiello di modernità che non dovrebbe superare le 25.000 unità. Il totale complessivo dell’investimento sarebbe interamente sostenuto dalla franchigia che, in cambio, otterrebbe sgravi fiscali per ben 50 milioni, a riduzione dell’impatto finanziario legato all’ambizioso progetto. Ma ancor più interessante è il dato sui possibili ricavi: lo stadio del Dc United frutterebbe ben 109 milioni di dollari annui. Da non trascurare nemmeno l’impatto sull’economia locale, che subirebbe un’iniezione di ben 2,6 miliardi di dollari e la creazione, tra le altre cose, di ben 1683 nuovi posti di lavoro. L’area poi sarebbe al centro di un piano di sviluppo senza precedenti, e impossibile senza un’opera simile. Insomma, Erick Thohir si conferma sempre più un imprenditore che ha compreso a fondo le enormi potenzialità del business legato al mondo del calcio, e lo ha fatto investendo su un movimento in costante espansione come quello a stelle e strisce”.