Cruz: “Icardi grandissimo bomber. Dybala? Ne parlai con Moratti…”

Julio Ricardo Cruz, storico giustiziere della Juventus nella sua esperienza all’Inter, interviene ai microfoni di Sky Sport 24 per parlare dei suoi ricordi e dell’attualità nerazzurra: “Quanti gol ho fatto alla Juve? Non ricordo adesso… Ho avuto tanta fortuna, e questa è stata una delle cose migliori che mi è successa. Credo che giocare partite come quelle contro Juve e Milan è il massimo. Il gol più bello? Nel 2003, ero appena arrivato all’Inter, i tifosi ci chiedevano di vincere quella partita perché la vittoria mancava forse da 11 anni. Quella punizione l’ho calciata bene e la palla è andata nell’angolo: quello è il gol che mi ricordo di più e che mi è rimasto di più nel cuore, perché è stato il primo con la maglia dell’Inter. Le sensazioni sono state bellissime, quella Juve era molto forte e batterli a casa loro fu una grande soddisfazione. Ricordo anche i gol fatti col Feyenoord, anche lì è stato bellissimo ma quella punizione è il gol che ricordo più volentieri, insieme ad una rete dopo assist di Cesar”.

Così come Cruz, anche Mauro Icardi si scatena contro la Juventus. Cosa si aspetta da lui? “Mauro è un grandissimo giocatore, ha tanti anni ancora per fare le cose giuste. La cosa più importante è che uno giovane come lui faccia il capitano. Ha ancora tantissimi margini di miglioramento, lo vedo come un grande bomber che vede la porta non appena riceve palla. Del resto i tifosi chiedono questo a un centravanti”. Ma è più forte Icardi, Higuain o Dybala? “Dybala era una promessa, parlai con Massimo Moratti per portarlo all’Inter. Era già forte a 15 anni e adesso lo sta dimostrando adesso, ma Icardi per me è un ragazzo giovane ed è capitano, non è una cosa facile. Per me oggi Higuain a livello di numeri è una certezza, Dybala una promessa ma Icardi pian piano sta arrivando a fare tutto quello che ci si aspetta all’Inter: segnare e portare la squadra il più in alto possibile”. Finale con pronostico: “Credo molto nel lavoro di Stefano Pioli, ha sistemato la squadra. Ho fiducia che possa schierare la squadra giusta per vincere. Mi auguro che l’Inter vinca, perché è la mia casa e mi auguro che le vada sempre bene”.

FONTEfcinternews.it