Cosa (non) è cambiato con l’arrivo di Thohir

Nei tifosi interisti forse, sta iniziando a crescere un po di preoccupazione; dopo l’arrivo di Thohir infatti, tutti avavano prospettato un futuro grandioso per l’Inter non solo sul campo ma anche per quello che riguarda il mercato con gli acquisti dei tanto auspicati top player.

Il tycoon indonesiano stesso ha ribadito più volte come con lui l’Inter avrebbe puntato a raggiungere i livelli delle altre big europee, Manchester United, Bayern e Barcellona, ma dopo i recenti avvenimenti qualche dubbio sorge spontaneo.

Il “fatto incriminato” è costituito dal viaggio di Branca a Londra, nello specifico negli uffici del Chelsea non per trattare qualche calciatore da portare a San Siro come auspicato dai sostenitori interisti, bensì per valutare l’eventuale trattativa che si potrebbe instaurare con il club di Abramovic per la cessione di Fredy Guarin.

Ovviamente il ricavato dalla vendita del colombiano sarebbe poi utilizzato per acquisire il cartellino di calciatori, Lavezzi su tutti, seguiti in questi mesi dagli uomini mercato dell’Inter.

Il dubbio a questo punto sorge spontaneo: se per acquistare un big che faccia fare il salto di qualità alla squadra di Mazzarri bisogna cederne uno dei pochi che si hanno già in casa, cosa è cambiato dall’addio di Moratti e l’arrivo di Thohir?.

Guarin infatti, è forse l’unico top player presente attualmente nella rosa interista, che senso avrebbe fare cassa con lui per poi piombarsi su un altro nome altisonante che da solo di certo non potrebbe cambiare i destini sportivi dell’Inter?

Fonte: europacalcio.it