Cori a Pogba, chiusa curva dell’Inter

Un coro “inequivocabilmente espressivo di discriminazione per motivi di razza” ai danni di Paul Pogba da parte dei suoi tifosi potrebbe costare caro all’Inter.

Il Giudice sportivo ha infatti sanzionato il club nerazzurro per il comportamento di buona parte della Curva Nord nel finale della partite di San Siro contro la Juventus, decidendo di chiudere il settore per un turno. La sanzione è sospesa per un anno. Ma la sospensione sarà revocata in caso di recidiva.

Questo il contenuto del dispositivo: “Il Giudice sportivo, letta la relazione dei collaboratori della Procura federale nella quale, tra l’altro, si attesta che circa il 70% dei 9.000 sostenitori della squadra nero-azzurra, collocati nel settore denominato ‘Secondo anello verde’, indirizzava al 33°del secondo tempo al calciatore n. 6 della squadra avversaria un coro inequivocabilmente espressivo di ‘discriminazione per motivi di razza’ ex art. 11, n. 1 CGS; valutata la rilevanza disciplinare di tale comportamento ex art. 11, n. 3 CGS per la sua ‘dimensione’ e per la sua ‘reale percettibilità’, come precisato dai collaboratori della Procura federale, opportunamente posizionati nella zona centrale e in corrispondenza della ‘Curva Nord’ dello stadio; rilevato che per la Società nero-azzurra il precedente provvedimento sanzionatorio per comportamenti discriminatori dei propri sostenitori (C.U. n. 144 dell’11 marzo 2014) non è ostativo alla concessione del beneficio di cui all’art. 16, n. 2bis e 3 CGS per la decorrenza dell’annuale ‘periodo di prova’; delibera di sanzionare la Soc. INTERNAZIONALE con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato ‘Secondo anello verde’ privo di spettatori, disponendo che l’esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l’avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella comminata per la nuova violazione”.

FONTEsportal.it