Chievo-Inter 0-2: “Brillano Handanovic e Cassano”

In trasferta l’Inter non conosce altro risultato che la vittoria: 5 sfide lontano da San Siro, 5 vittorie (3 in campionato). Il gioco ancora non convince, ma per passare 2-0 in casa del Chievo bastano le parate di Handanovic e i numeri di Cassano. Il barese, entrato al posto di Sneijder fermato da un infortunio muscolare, segna il gol del 2-0 nella ripresa chiudendo i conti aperti al 43esimo dall’uruguaiano Pereira.

LA PARTITA

 

Il test negativo nel prepartita di Chivu non cambia le strategie di Stramaccioni: difesa a 3 con Samuel al posto del romeno. Nell’idea la squadra dovrebbe essere più equilibrata in campo e pungente sulle fasce, ma il risultato è deprimente. Il Chievo nella prima mezz’ora ha tre palle gol nitidissime e i nerazzurri devono aggrapparsi alla sicurezza di Handanovic (che smanaccia su Hetemaj in avvio) eall’imprecisione di Pellissier per uscire indenni. La mini-scossa arriva anche grazie all’ingresso obbligato di Cassano al posto dell’infortunato Sneijder.

Fantantonio si fa più sentire dell’olandese, ma nel primo tempo lo specchio della porta rimane un miraggio per gli Stramaccioni-boys. Almeno fino al penultimo giro d’orologio quando Nagatomo pesca il taglio vincente di Pereira sul filo del fuorigioco.Vantaggio immeritato e da rivedere alla moviola per la posizione sospetta dell’urugiaiano.

Il Chievo accusa il colpo e sembra perdere brillantezza e compattezza trascinandosi avanti senza convinzione. Ma il cantiere-Inter non fatica a costruire azioni di contrattacco degne di nota. Squadra lunga, Milito isolato e impreciso. Quasi per inerzia arrivano altre occasioni per la squadra di Di Carlo con Handanovic più volte decisivo su Marco Rigoni. E quando i veronesi non ne hanno più, arriva Cassano a chiudere i conti su splendido assist di Gargano. Il Chievo esce a testa alta anche grazie al palo di Cruzado. ma 4 sconfitte consecutive cominciano a pesare. L’Inter completa la sua cinquina di vittorie consecutive in trasferta con 12 gol segnati e nessuno subito. Per il momento, per quello che si vede in campo, va di lusso.

Fonte: sportmediaset.it