Cartellino Viola e futuro, Zanetti commosso: “Grazie Fiorentina, all’Inter per sempre”

Cerimonia di gala oggi a Milano, l’occasione è quella dell’assegnazione di un premio decisamente prestigioso. Stiamo parlando del ‘Cartellino Viola’, riconoscimento che viene ogni anno riservato al giocatore che più si contraddistingue sul piano del fair play.

A ricevere il premio dalle mani del Ds della Fiorentina, Daniele Pradè, è stato Javier Zanetti, capitano dell’Inter e simbolo della correttezza, in campo e fuori. “Siamo orgogliosi di consegnare questo cartellino viola che premia il Fair-Play, per Javier è un premio alla carriera”, ha spiegato Pradè.

Che poi non resiste al gusto della battuta sul futuro: “Mi spiace averlo definito così, perché ho parlato con Piero Ausilio e mi ha detto che l’Inter gli farà un biennale”. Il direttore sportivo nerazzurro, dal canto suo, non si è invece particolarmente sbilanciato, sottolineando: “Sono all’Inter da sedici anni quasi come Javier. Al di là delle qualità umane e un esempio per i giovani vederlo”.

Quindi Ausilio continua: “A quarant’anni bisognerebbe avere la dedizione che ha lui, arriva due ore prima allenamento e esce dopo. Sempre lo stesso da diciotto anni, è davvero mostruoso”. Comosso dal prestigioso riconoscimento Javier Zanetti: “Ringrazio la Fiorentina, i giurati, è un premio importantissimo per me. Al di là delle vittorie ho costruito la carriera sul rispetto sulla realtà, i valori che mi ha dato la mia famiglia”.

Il capitano dell’Inter poi ammette: “Passare vent’anni in uno dei campionati più difficili è stato importantissimo. Sarò fiero per tutta la vita di averlo fatto. Questo club mi ha dato tantissimo e indosserò sempre questa maglia”. In campo o fuori?

L’argentino al riguardo non si sbilancia:Io sono sincero, il mio primo obiettivo era tornare da un brutto infortunio, dimostrare di essere ancora utile in campo e la cosa più importante non è il mio futuro ma quello della squadra. Io ho sempre pensato al bene dell’Inter, sono qui a disposizione e il legame con questo club non finirà mai, al di là di un contratto. A fine stagione vedremo cosa sarà meglio per l’Inter e spero di rendermi utile ancora”.

Fonte: goal.com