Caressa: “L’Inter non è da scudetto ma può vincerlo. Passare da Murillo a Skriniar…”

Intervenuto in studio a Sky Sport 24, il noto giornalista Fabio Caressa ha parlato dell’ottimo inizio in campionato dell’Inter e delle ambizioni della squadra di Luciano Spalletti: “Tra Skriniar e Murillo cambia tantissimo, soprattutto al fianco di Miranda. Avere un centrocampista che fa gioco come Borja Valero lì davanti cambia moltissimo, soprattutto per il calcio di Spalletti, che ha sempre avuto bisogno di un Pizarro, di un uomo in quella posizione. Spalletti non ha vision perché riesci ad identificare la sua squadra, ma non il suo gioco, perché è uno che cambia e adatta la squadra ai momenti e ai giocatori che ha. L’Inter di Spalletti, ad oggi, non è da scudetto, ma da primi quattro posti: se trova continuità nei 90 minuti potrà essere da scudetto.

Spalletti è l’uomo giusto per farlo: è un grande allenatore, un grande manager. Anche la questione Totti l’ha gestita come poteva: forse poteva mollare un po’ di più ma non sarebbe stato onesto con sé stesso. Con la Fiorentina non è stata uno scontro diretto, con la Roma sì ma è stata sotto per un’ora: se avesse perso nessuno avrebbe detto niente. Se però riesce a giocare per 90′ va bene. A fine campionato l’Inter può diventare la prima in classifica: adesso la griglia è Napoli, Juventus e Inter. Ma se la proietto a fine anno: Napoli e Inter alla pari e Juventus. Al derby a punteggio pieno? E’ verosimile, perché in questo campionato le ultime dieci con le prime dieci perdono sempre, ma mi sembra molto difficile”.