Cambiasso rifiuta la proposta economica per il rinnovo!

Aria di rivoluzione. A cominciare da chi saluta, per far spazio a chi arriverà. Ve lo abbiamo già raccontato, nei piani della nuova Inter di Erick Thohir che potrà decollare da giugno c’è innanzitutto il saluto ad almeno sei degli otto giocatori in scadenza di contratto. Ovvero Samuel, Milito, Mariga, Mudingayi, Chivu e Castellazzi.

In bilico, invece, la posizione di Javier Zanetti di cui in esclusiva abbiamo anticipato la proposta del Chelsea tra campo e dirigenza (concreta ed esistente, ma come puntualizzato da subito la priorità del capitano va all’Inter) e quella di Esteban Cambiasso. Perché anche il Cuchu è una figura importante, molto considerata da Thohir che per l’argentino ha una stima particolare. Una chiacchierata con il presidente l’ha già fatta, un primo incontro per parlare in modo informale della sua situazione contrattuale. Perché Cambiasso a giugno va in scadenza e il suo ingaggio da 4 milioni netti, quasi 8 milioni lordi, non è più oggettivamente sostenibile nell’ambito del nuovo tetto ingaggi e della nuova organizzazione economica che l’Inter si è dovuta imporre.

Il primo vertice non ha ancora avuto come risultato una fumata bianca. Cambiasso si sente ancora un giocatore a tutti gli effetti, sa di poter dare molto e non vuole assolutamente sentirsi un peso per la società o per l’allenatore. Con Mazzarri c’è grossa stima umana come tecnica, proprio dal punto di vista del mister; ma il contratto è un discorso diverso, legato anche alle aspettative future. Non c’è un posto in dirigenza nei piani immediati dell’argentino. Cambiasso si vede allenatore nel proprio futuro remoto, tra qualche anno; ha già iniziato a studiare ed apprendere, in campo il ruolo e l’intelligenza lo favoriscono per questa soluzione. Ma adesso vorrebbe giocare ancora, preferibilmente all’Inter.  Anche se le offerte non mancano.

La prima proposta economica di cui si è parlato con Thohir e su cui ragionare ha convinto poco: contratto annuale con ingaggio più che dimezzato, inferiore ai 2 milioni di euro. Non ancora l’offerta giusta, più che per l’aspetto economico anche per l’idea che Cambiasso vuole avere del proprio eventuale ruolo nell’Inter 2014/2015.

Se ne parlerà ancora, perché Esteban è legatissimo all’Inter come tutti lo stimano in società e nello staff tecnico. Si ragionerà su più possibilità, senza scartare l’ipotesi di un addio qualora non dovesse arrivare la stretta di mano da qui a giugno. Cambiasso non sarebbe l’unico, in quel caso, ma il suo rapporto con l’etere nerazzurro lo rende ancora possibilista sul parlarsi di un ipotetico nuovo contratto.

Quello che firmerà nei prossimi giorni Nemanja Vidic, nuovo giocatore dell’Inter a tutti gli effetti, e che è stato proposto a livello di chiacchierata anche a Bacary Sagna, idea venuta anche al Liverpool per il laterale in scadenza con l’Arsenal (che sta spingendo per il rinnovo). Chi viene e chi va, a parametro zero, anche questa sarà la rivoluzione.

Fonte: goal.com