Calciomercato, Mancini avvisa: “Tourè In Italia solo per Inter. Saremo da Scudetto”

Il pareggio di Napoli ha aumentato l’autostima dell’Inter, il cui corso targato Roberto Mancini vuole essere ambizioso. Lo conferma il tecnico, che ribadisce di vedere i nerazzurri in grado di lottare per il campionato nel 2015/2016.

A margine del premio ‘Panchina d’Oro’, a ‘Sky’ ecco le sue parole in scia con quanto dichiarato sabato in conferenza stampa: “Sì, l’anno prossimo saremo da Scudetto. Questa fiducia è dovuta a quello che stiamo facendo, la base è ottima. Vedo i ragazzi che stanno migliorando sempre di più, tutti stanno crescendo, l’anno prossimo puntiamo a lottare con Juve, Napoli e Roma”.

Tornando al presente, invece, Mancio non accantona l’idea di agguantare il terzo posto: “Stiamo facendo il nostro lavoro, da qui alla fine ci sono ancora tre mesi, proveremo a entrare in Champions League. Le prossime 4 gare saranno indicative. Ho un contratto con l’Inter, ho iniziato un ottimo lavoro, bisogna continuare”.

Icardi, con un ‘cucchiaio’, ha evitato il ko al San Paolo confermandosi capocannoniere del campionato: “E’ molto migliorato in questi ultimi due mesi, è un giocatore fondamentale, anche perché segna e segnerà sempre, diventerà sicuramente un grandissimo attaccante. Come Vialli? Hanno caratteristiche diverse, Vialli lavorava molto fuori area, però Mauro sta lavorando bene, sicuramente migliorerà. Vialli faceva un grande lavoro, arrivava alla fine della partita che distruggeva fisicamente gli avversari”.

All’orizzonte c’è l’ottavo d’andata di Europa League col Wolfsburg: “Ci attendono due partite molto difficili. Ho fatto i complimenti ai ragazzi per come hanno giocato la partita di ieri, non è facile giocare a Napoli, ci sono quindi ottimi presupposti già per la gara di giovedì. Sono contento a metà per il pareggio di Napoli, se avessimo avuto più attenzione nel finale potevamo sfruttare quel momento”.

Sulla corsa Scudetto Mancini non ha dubbi: “La Juventus credo sia la squadra più forte, vince da tre anni e probabilmente lo farà anche quest’anno. Credevo che Roma e Napoli potessero lottare fino alla fine, ma i bianconeri si stanno dimostrando ancora una volta la squadra più forte”.

Mancini ha poi parlato anche a ‘Gazzetta TV’: “Rimpianto o o rimorso per il Triplete? Credo nel destino, doveva essere così. Per il futuro sono sicuro che mettendo ora le basi e con una preparazione l’Inter possa lottare per lo scudetto. Vedo progressi enormi negli ultimi mesi. Il mio ritorno? Per affetto e riconoscenza. Domani il titolo di Gazzetta sarà campionato finito, quello su di noi fatelo così, aspettateci, l’anno prossimo ci saremo anche noi”.

Il tecnico dell’Inter ha anche detto la sua a proposito di tre bad boy avuti in carriera: “Osvaldo non lo conosco tanto bene, è successo quello che è successo nello spogliatoio, poi si è scusato. A Mario volevo bene anche se mi ha fatto arrabbiare, con Tevez c’è stato il problema di Monaco, poi insieme abbiamo vinto la Premier”.

A proposito di ex, Mancini voleva Richards, ora alla Fiorentina- E per il futuro occhi su Tourè: “Abbiamo provato a prenderlo a gennaio, è stato un mio giocatore al City. La Fiorentina sembrava fosse disposta ma l’affare non è andato in porto. Se Yaya verrà in Italia sarà per l’Inter. Toulalan? Possono giocare insieme e con Guarin e Medel”. Parole gustose per il tifo Inter.

FONTEgoal.com