Calciomercato: è fatta per il rinnovo di Kovacic, Vidic saluta già a gennaio?

I parametri ferrei del fair play finanziario imposti dall’UEFA ‘condannano’ l’Inter a un calciomercato invernale in tono minore. Ciò nonostante il club nerazzurro è tutt’altro che immobile sul fronte delle trattative e guarda in primis al futuro.

In tal senso, come preannunciato la scorsa settimana, secondo quanto riporta ‘La Gazzetta dello Sport’, il club nerazzurro avrebbe raggiunto l’intesa con Mateo Kovacic per il rinnovo del suo contratto fino al 2019. L’accordo prevederebbe un ingaggio di 2 milioni di euro a salire più bonus, mentre i diritti di immagine saranno gestiti dall’Inter. L’annuncio ufficiale dovrebbe essere dato a ore.

Sul fronte delle uscite, invece, diventa sempre più delicata la posizione del difensore Nemanja Vidic. L’esperto centrale serbo in questi giorni è alle prese con un attacco influenzale. Il ritorno della febbre alta potrebbe pregiudicare la sua partenza oggi per Baku per l’impegno in Europa League contro il Qarabag, ma in discussione in questi giorni è la sua stessa permanenza nel club milanese.

Ingaggiato a parametro zero per rinforzare la difesa, il centrale serbo ha infatti finora deluso le attese, e dopo non aver convinto nel corso della gestione Mazzarri, è finito subito in panchina con l’arrivo di Roberto Mancini, anche per via di una condizione fisica non ottimale a causa di un’infiammazione al ginocchio.

Sebbene non ci siano al momento segnali di una rottura anticipata, è chiaro che il giocatore, come riporta stamane ‘La Gazzetta dello Sport’, vuole capire quali sono i programmi del club su di lui e che, nel caso in cui l’Inter decidesse di non puntarci, l’addio a gennaio sarebbe inevitabile.

Intanto è atteso per venerdì l’arrivo a Milano di Sylvinho, che risolte alcune pratiche burocratiche, diventerà a tutti gli effetti il vice di Mancini sulla panchina nerazzurra. Il brasiliano, che non ha ancora firmato il contratto, deve dimostrare di essere in possesso del patentino minimo per potersi sedere almeno in panchina.

Per ora però l’unico documento presentato sarebbe un patentino generico brasiliano che non ha valenza per l’ UEFA. Serve infatti almeno quello B: per ottenerlo Sylvinho dovrebbe iscriversi a un corso in gennaio presso il comitato lombardo della Figc. In alternativa potrà frequentare a giugno il corso di Coverciano per ottenere il patentino A, con il quale potrà anche ufficialmente ricoprire l’incarico di vice-allenatore.

FONTEgoal.com