Calciomercato: due grandi idee per la nuova Inter

Il ds dell’Inter Piero Ausilio è stato due giorni in Inghilterra, ha guardato due partite di Champions, e ha visionato da vicino quelli che potrebbero essere gli obiettivi futuri dell’Inter. Prima Londra per Tottenham-City e poi Manchester per United-Barcellona, “gare in cui Ausilio ha potuto vedere alcuni degli obiettivi dell’Inter della prossima estate, ma anche aggiornare i contatti con gli entourage di altri che sono rimasti o seduti in panchina o in tribuna. Sono diversi i giocatori sul taccuino dell’Inter, ma quattro quelli per cui Ausilio si è principalmente mosso in questi mesi, e pure nell’ultimo blitz inglese: Rakitic, Gundogan, Malcom e Darmian”.

“Come ormai sanno anche i muri, l’Inter la prossima estate rinforzerà principalmente il centrocampo. E’ quello il reparto individuato prima da Ausilio e poi anche da Marotta dal suo insediamento, per migliorare la squadra e cercare di ridurre il gap con la Juve e le squadre più forti d’Europa.

Certo, bisognerà intervenire anche in attacco se, come sembra, lasceranno Milano sia Icardi che Perisic, ma è a centrocampo che l’Inter vorrà piazzare il colpo più importante. E oggi sono due i nomi che più di altri sono bene chiari in testa alla dirigenza: Ivan Rakitic e Ilkay Gundogan.

Il primo sta vivendo una situazione particolare al Barcellona: il tecnico Valverde lo considera un intoccabile, ma il club ha già acquistato a centrocampo De Jong dell’Ajax e sta lavorando per un altro rinforzo, da Rabiot a Pogba. Inoltre il presidente Bartomeu non è così convinto di rinnovare il contratto in scadenza nel 2021. Rakitic, 31 anni, fin dalla chiusura del mercato estivo 2018 è diventato un obiettivo dell’Inter, individuato come profilo giusto per rinforzare il centrocampo dopo il mancato arrivo del sogno Modric. Non sarà un’operazione facile, visto che il croato guadagna 6.5 milioni e il Barcellona potrebbe chiederne almeno 60 per cederlo, ma l’Inter ci sta lavorando (Ausilio oltreché a Manchester mercoledì, era stato a parlare col Barcellona già a metà marzo in occasione della gara col Lione). Negli ultimi mesi è tornato di forte attualità anche il nome di Gundogan. Il centrocampista tedesco, 29 anni a ottobre, dopo i problemi fisici delle scorse annate, nelle ultime due stagioni è tornato a giocare nel City, ma ha il contratto in scadenza nel 2020, dunque potrebbe non costare tantissimo di cartellino, però il suo stipendio supera gli 8 milioni. Anche in questo caso la trattativa non è semplice, ma restano Gundogan e Rakitic i nomi in prima fila per il centrocampo (dove arriverà un altro elemento, con Pellegrini in vantaggio su Barella)”, sottolinea il quotidiano.