Buona fortuna Campione

Voglio salutarti come meriti. Non voglio salutare il Wes degli infortuni, delle polemiche su Twitter e delle critiche. Voglio salutare il Wes che abbiamo conosciuto il 28 agosto 2009, quello che quando sei arrivato in pochissimi ti conoscevano, ma che subito hai fatto vedere a tutti quello che sapevi fare: pura magia. Si perché con quel piede d’oro hai incantato tutto San Siro nella tua prima partita con il numero 10 nerazzurro. Il giorno dopo il tuo arrivo, infatti, Mourinho ha avuto il coraggio di metterti titolare in quel fantastico Derby, di certo non una partita qualunque, nonostante avessi fatto un solo allenamento con la squadra.

Da allora la tua carriera è andata in crescendo, tra punizioni, calci d’angolo, assist e gol. Magie su magie. E di certo non si possono dimenticare. Come non si possono dimenticare quelle cinque splendide notti del 2010. Tu eri uno di quei protagonisti. E sarai scritto lì, nel Grande Libro della Storia dell’Inter, per sempre. Hai sfiorato il Pallone d’Oro 2010, non hai vinto chissà per cosa, ma per tutti noi tifosi quel trofeo l’hai vinto tu.

Ora tu hai scelto di andare via. È una tua scelta, nessuno te l’ha imposto. Ti è stato chiesto di scegliere, e tu hai scelto il Galatasaray. Chissà se mai sapremo il vero motivo di questa tua scelta. Noi sappiamo solo che sarebbe potuto andare tutto in maniera diversa. Ma così non è stato, purtroppo. Adesso non possiamo che augurarti in bocca al lupo e buona fortuna per questa tua nuova avventura, che spero sarà ricca di soddisfazioni e trionfi. Perché è questo che ti meriti: soddisfazioni e trionfi.

Buona fortuna Campione!