Brrr… Brivido Branca

Countdown fino al 31 gennaio alle 19… Manca poco allo scadere del tempo che sancisce questo mercato invernale, viene spontaneo chiedersi quali obiettivi di quelli proposti dalla dirigenza verranno raggiunti. Inutile dire che la speranza che il tanto agognato addio di
Sneijder sbloccasse il mercato é stata al momento accantonata e chiusa in un cassetto. La chiave di questo cassetto è nelle mani della dirigenza interista e starà a loro scoprire le carte da giocare, sempre che ce ne siano.
Pensiamo al sempreverde Paulinho che già dall’estate entra nei sogni nerazzurri, ma la posizione del nazionale titolare della Seleçao per ora é ferma al Corinthias; peccato perché la sua corsa e qualità a centrocampo sarebbero servite. Senza disperarci per ciò che non è del tutto perduto, pensiamo ad un altro (per alcuni di noi doloroso) addio che probabilmente saremo costretti a fare:il GIOVANE Coutinho che, fortemente voluto dal Liverpool, ha accettato di lasciare la Serie A per la Premier..

Sarebbe certo molto meglio se partisse Alvarèz ma per lui offerte concrete non ci sono… Rischiamo così per arrivare a Paulinho di sacrificare il brasiliano al posto dell’argentino, un po’ come accadde con Eto’o e Sneijder. Incubi che si ripetono in casa Inter, presenze che aleggiano sempre come fantasmi sugli scheletri nell’armadio… Cosa dite, siamo costretti ormai a fare scelte obbligate per errori precedenti? Non fatemi essere così negativa, ho bisogno di pensare positivo e in fondo di buoni acquisti ce ne sono stati parecchi, ricordo solo Guarin che tanti nell’ultima partita acclamavano ma che tanti un anno fa attaccavano: aggiustato e pronto é diventato perno di questa squadra.
E uno Schelotto per la fascia destra vi dispiacerebbe? C’é solo un “piccolo” dubbio: Pierpaolo Marino che ieri ha sottolineato come la distanza tra domanda e offerta sia ancora abissale. É chiaro che le trattative siano in fase clou, importate che passi il concetto che bisogna rinforzare l’Inter!