Bergomi: “A centrocampo serve uno che detta il gioco. Bene Shaqiri e Podolski ma…”

Intervistato dal Corriere dello Sport, l’ex nerazzurro, Beppe Bergomi, ha parlato del mercato nerazzurro: “L’Inter continua a comprare? La ritenevo da terzo posto la scorsa estate e non ho cambiato idea. Con Mancini però ha un sistema di gioco diverso e forse servirebbe un altro acquisto.

Un giocatore che dia più qualità alla costruzione del gioco. E’ arrivato Brozovic, ma quando l’ho visto all’opera con la Croazia in coppia con Modric, era quest’ultimo a impostare. Mi sembra più un elemento di rottura, un po’ come Medel. Lucas Leiva, Mario Suarez e Lassana Diarra.

Chi mi convince di più? Nessuno dei tre è Pirlo, De Rossi o Pizarro. Lucas Leiva è forte, idem Diarra. Forse è quest’ultimo il più funzionale anche perché gli altri due costano parecchio. Se serve anche un difensore? Adesso ha degli infortunati che però rientreranno tra poco.

Di esterni l’Inter ne ha già abbastanza e io aspetterei a prenderne un altro. Murillo? Può essere utile, ma anche come centrali è messa bene. Podolski e Shaqiri. Podolski e Shaqiri sono mosse interessanti. Purtroppo, a differenza del passato, nella nostra Serie A non arrivano più i titolari di Arsenal e Bayern Monaco, ma le riserve.

Nelle ultime due partite di campionato e in quella di Coppa Italia ho visto un possesso palla lento e poco intenso che ha permesso agli avversari di piazzarsi. Contro il Genoa e la Juventus invece l’Inter era andata bene.

Al Mancio serve tempo.Nonostante il -10 dal terzo posto Mancini sogna ancora la Champions? E’ un bel messaggio quello del tecnico. Lui ha una mentalità vincente e così la trasmette anche alla squadra”.

FONTEfcinter1908.it