L’avvocato Claudio Pasqualin, decano dei procuratori italiano, ha parlato ai microfoni di Radio Sportiva, intervenendo sulla questione relativa alla situazione economica e delle possibilità di mercato dell’Inter.

Si parla di problemi economici da parte dei nerazzurri. Conte ha fatto capire che non ci sarà mercato: “Quest’anno il verbo volere non esiste, che sia chiaro. Già ad agosto mi è stata dettata la linea del club, Hakimi lo abbiamo preso ad aprile poi non abbiamo comprato nessun’altro. La linea è chiara, io non voglio nessuno e lavoro coi calciatori a disposizione. Dimenticate il discorso mercato per l’Inter perché a me hanno detto questo. Leggo che voglio questo o quest’altro, ma passa sempre il messaggio sbagliato. Da agosto non esiste il verbo volere, c’è il verbo lavorare che io conosco molto bene”.

Ecco le dichiarazioni di Pasqualin sull’Inter: “Mercato con pochi soldi, dominerà la logica del baratto. Il Covid ha cancellato le entrate e fatto allontanare gli sponsor, le società hanno i conti in rosso. Questa finestra di trasferimenti non inciderà sugli equilibri del campionato, non c’è una lira”.

Infine una battuta sul Papu Gomez: “Alla fine se ne andrà. La diatriba è con Gasperini e la società si è schierata con l’allenatore. Via via che si avvicina la chiusura del mercato i prezzi tendono a scendere, Gomez è un giocatore che muove interessi di grandi squadre: sarebbe ideale per l’Inter, anche alla luce dell’addio probabile di Eriksen. La situazione di Suning è piuttosto seria, in Cina hanno chiuso i rubinetti, le capacità finanziarie sono molto ridotte e sono in crisi”.