Ass. Sport Milano: “Meazza? Le novità. Thohir lo vuole. Capienza, prezzo, area trotto e…”

A pochi giorni di distanza dall’incontro tra Erick Thohir e i rappresentanti del Comune diMilano, andato in scena lo scorso sabato, l’Assessora Chiara Bisconti, con deleghe per il benessere, la qualità della vita, lo sport e il tempo libero, è tornata sulla questione Meazzae su quanto dibattuto con il numero uno nerazzurro. Ecco le sue parole…

Assessora, a che punto sono i lavori di riqualificazione e modernizzazione del ‘Meazza’ in vista della finale di Champions League?
“A ottimo punto. A fine campionato partirà la fase più impegnativa con il rifacimento della tribuna rossa. Il ‘Meazza’ sarà più moderno, scompariranno le panchine a bordo campo e giocatori e allenatori saranno inglobati nella tribuna. Come gli stadi inglesi e in Italia lo ‘Juventus Stadium’. Siamo fiduciosi di chiudere in tempo tutte le opere, compresi gli interventi sulla tribuna arancio e i servizi igienici al terzo anello”.

E’ vero che nell’incontro avvenuto sabato scorso, Thohir ha chiesto la gestione di San Siro a partire dalla stagione 2018-2019, cioè quando il Milan traslocherà (o almeno dovrebbe) nel suo nuovo impianto?
“L’Inter ha mostrato grande interesse verso il ‘Meazza’. Questo ci fa piacere perché vogliamo che San Siro resti vivo, si ammoderni, cresca, diventi sempre più bello. È uno stadio che ci invidiano tutti nel mondo. Lo visitano migliaia di turisti che arrivano da ogni parte del pianeta. È un’eccellenza. E vogliamo che resti tale. Quindi, ben vengano progetti di ammodernamento e che guardino al futuro. Vedremo cosa succederà. Al momento il Milan sembra concentrato sul Portello e quindi discutiamo di ‘San Siro’ con l’Inter ma finché non ci saranno progetti veri e propri, finché non partiranno i lavori, staremo a vedere. Quello che è certo è che difenderemo sempre lo stadio di San Siro”.

Il comune di Milano sarebbe disposto anche alla cessione di ‘San Siro’ all’Inter?
“Non siamo ancora entrati in questi dettagli, come è detto è presto. Se un domani anche il Milan ci ripensasse? Davvero è presto. Molti comuni utilizzano la formula della concessione a 99 anni. E’ una filosofia che mi piace perché mantiene la proprietà pubblica. E credo che sia importante che uno stadio resti patrimonio pubblico, di tutti.  Vedremo”.

La capienza di San Siro verrà ridotta a 50-60 mila posti, col terzo anello suddiviso tra negozi e ristoranti?
“L’idea di massima sembra quella ma ripeto, non esistono progetti sulla carta. Al momento solo suggestioni. Molto interessanti, ma suggestioni”.

Thohir ha manifestato interesse anche per l’area Trotto?
“San Siro vuol dire l’area trotto e anche tutta l’area che un tempo era occupata dal Palasport. È tutta la zona che viene interessata da nuovi progetti e non solo dalle suggestioni dell’Inter. Io vedo tutta quella zona come una vera città dello Sport, dove il Comune non solo avrà voce in capitolo ma anche progetti precisi. Verde, sport, uno spazio per tutta la famiglia”.

Quando ci sarà il prossimo incontro?
“Ci siamo aggiornati per aprile. Anche perché nel frattempo anche il Milan avrà le idee più chiare. Ma voglio dire a chi ci legge che San Siro resta un fiore all’occhiello di questa città e non sarà mai svenduto o deprezzato. Non da noi”.

FONTEfcinter1908.it